rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca

Riorganizzazione di Asa, l'assessore Simoncini: "Esclusa l'ipotesi di esternalizzazione di tutti i servizi"

L'assessore ha risposto in Consiglio comunale ai question time proposti da Potere al Popolo e Buongiorno Livorno

È approdata in Consiglio comunale nella giornata di ieri, lunedì 11 aprile, la questione relativa alla riorganizzazione dell'azienda Asa spa, partecipata del Comune di Livorno. Una vicenda che nei giorni scorsi aveva fatto scattare l'allarme da parte del sindacato Usb, che aveva parlato di una "riorganizzazione fatta di tagli al personale" con conseguente "rischio di qualità del servizio", con lo stesso sindacato che aveva espresso un deciso "no a qualsiasi ipotesi di esternalizzazione". La stesso Usb aveva ritenuto "intuibile la strategia che la dirigenza vuole portare avanti, foraggiare le criticità per poi proporre i soliti meccanismi di esternalizzazione in appalto". 

Sulla vicenda sono stati posti due question time - uno da parte della consigliera di Potere al Popolo, Aurora Trotta, l'altro da parte di Buongiorno Livorno -  ai quali ha risposto l'assessore Gianfranco Simoncini. In particolar modo nel primo, si è fatto riferimento alla necessità da parte del Comune di chiarire gli elementi di questa riorganizzazione, chiamando in causa la gestione del gas, la qualità del servizio e la volontà politica dell'amministrazione in merito al futuro dell'azienda e su eventuali modifiche delle quote possedute dal socio privato. 

Simoncini: "Priva di fondamento ogni ipotesi di esternalizzazione"

In attesa di una commissione specifica sull'argomento, richiesta da Potere al Popolo, Buongiorno Livorno e Movimento 5 Stelle, Simoncini ha spiegato che "l'ipotesi di una esternalizzazione di tutti i servizi di Asa è priva di ogni fondamento", aggiungendo che dal 2019 in Asa "sono state assunte 122 persone, di cui solo 11 a tempo determinato". "Il numero dei dipendenti - ha aggiunto - si è allargato, e dal 2017 ad oggi sono passati da 470 a 535. Segnale evidente che non c'è nessuna volontà di esternalizzazione, né tantomeno di procedere ad una privatizzazione con l'aumento della quota del socio privato".

Un aspetto, ha sottolineato Simoncini, evidenziato anche nel documento approvato dopo la conferenza dei sindaci del 2020 nell'ambito del quale emerge che "non è percorribile alcuna ipotesi che punti all'aumento delle quote azionarie del socio privato". Per quanto riguarda il gas "siamo obbligati a procedere alla gara, ma lavoriamo alla valorizzazione del servizio. La volontà di questa amministrazione è di mantenere pubblica la proprietà delle reti". Il secondo question time ha riguardato i controlli sui servizi, e da parte di Buongiorno Livorno è stato rivolto l'invito a "cercare di assumere un ruolo di controllo del servizio pubblico in particolar modo sugli aspetti riguardanti la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini". Quest'ultimo fattore in riferimento alla possibilità di utilizzare una sola squadra di reperibilità su tutto il territorio provinciale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riorganizzazione di Asa, l'assessore Simoncini: "Esclusa l'ipotesi di esternalizzazione di tutti i servizi"

LivornoToday è in caricamento