Attentato in Iraq, feriti 5 militari italiani: due sono paracadutisti del Col Moschin di stanza a Livorno

Tre soldati in gravi condizioni ma non in pericolo di vita. L'esplosione vicino a Kirkuk al passaggio di un team di Forze speciali, tra cui gli incursori del 9° Reggimento d'assalto della caserma Vannucci

Attentato esplosivo contro militari italiani in Iraq: secondo quanto si apprende da fonti della Difesa, sono cinque i feriti, di cui tre in gravi condizioni ma fortunatamente non in pericolo di vita. Tra i soldati coinvolti, anche due incursori del 9° Reggimento d'assalto paracadutisti "Col Moschin" di base alla caserma Vannucci di Livorno: Marco Pisani e Paolo Piseddu. I cinque militari feriti nell'esplosione sono stati subito soccorsi, evacuati con elicotteri Usa facenti parte della coalizione e trasportati in un ospedale mobile delle forze alleate a Baghdad per ricevere le cure del caso. Le famiglie dei militari sono state informate. La procura di Roma ha aperto un fascicolo d'inchiesta per attentato con finalità di terrorismo e lesioni gravissime.

Attentato contro i militari italiani in Iraq: le ultime notizie

L'attacco, come si legge su Today, è avvenuto nei pressi della città di Kirkuk. I soldati si trovano nell’area per addestrare i colleghi iracheni. L'attentato, riferisce lo Stato maggiore della Difesa, è avvenuto nella mattina di domenica quando un "Ied", un ordigno esplosivo rudimentale nascosto sotto terra è detonato al passaggio di un team misto di forze speciali italiane di stanza in Iraq. Il gruppo, composto da personale del 9° reggimento d'assalto paracadutisti "Col Moschin" con base alla caserma Vannucci di Livorno (unico reparto incursori delle Forze Speciali dell'Esercito) e del Gruppo operativo incursori della Marina militare, stava svolgendo attività di addestramento ("mentoring and training") in favore delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all'Isis.

Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini: "Profonda vicinanza alle famiglie"

Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini "è stato prontamente messo al corrente dell'attentato dal capo di Stato maggiore della Difesa, il generale Enzo Vecciarelli, e segue con attenzione - viene sottolineato - l'evolversi della situazione". Il ministro della Difesa ha subito informato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Il ministro, dicono ancora dalla Difesa, "in queste ore di preoccupazione, esprime la più profonda vicinanza alle famiglie e ai colleghi dei militari coinvolti".

La notizia dell'attentato contro i nostri militari arriva a due giorni dal triste anniversario dell'attentato di Nassiriya del 12 novembre 2003, sempre in Iraq, quando un camion cisterna pieno di esplosivo scoppiò davanti all'ingresso della base italiana dei Carabinieri, provocando un'esplosione che causò 28 morti, 9 iracheni e 19 italiani, tra cui cinque militari dell'esercito, due civili e dodici carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(fonte Today, foto archivio Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Andrea Matteucci, arrestata la giovane alla guida dell'auto. La Municipale: "Accusata di omicidio stradale, positiva all'alcool test"

  • Tragedia in via dei Pensieri, scooterista di 17 anni muore dopo lo scontro con un'auto

  • Dramma a Collesalvetti: gravissima 30enne investita dal fratello dopo una lite, l'uomo inseguito e arrestato per tentato omicidio

  • Rosignano, scontro tra camion e auto sulla SR 206: due feriti

  • Funerale Andrea Matteucci, San Jacopo gremita per l'ultimo abbraccio a "Gas"

  • Campiglia Marittima, uccide un gatto e lo cucina davanti alla stazione: il video virale indigna la rete, denunciato 21enne

Torna su
LivornoToday è in caricamento