Cronaca

Coronavirus, in Toscana ecco l'autotampone nasale per la diagnosi del Covid-19: cos'è e come funziona

Il kit è stato presentato al Meyer di Firenze dal governatore Giani: verrà somministrato come screening periodico ai 1.500 operatori dell'ospedale

All'ospedale Meyer di Firenze è stato presentato "Uffa", il tampone autosomministrato per la diagnosi di Covid-19, messo a punto nel laboratorio di Immunologia. Con questo nuovo strumento, i dottori hanno puntato a un duplice obiettivo:  limitare il tampone al solo naso, a tutto vantaggio del comfort dei pazienti e fare in modo che potesse essere autosomministrato, senza l'impiego di personale sanitario. Lo studio, approvato con parere del Comitato etico pediatrico regionale del primo ottobre, è stato avviato il 6 ottobre e si è appena conclusa la prima fase: dal 16 novembre è stato somministrato come screening periodico ai 1.500 operatori Meyer. 

Coronavirus Toscana, come funziona l'autotampone nasale

L'idea è nata con l'intento iniziale di trovare un sistema efficiente, rapido e attendibile per testare gli operatori sanitari del Meyer e quindi, a cascata, proteggere i piccoli pazienti che loro assistono. Il kit “Uffa!” è semplicissimo da usare e completamente indolore: basta inserire il bastoncino con la punta di cotone prima in una narice e poi nell'altra, poi chiuderlo in una provetta che verrà successivamente analizzata. Molti studi hanno dimostrato che se una persona è positiva, il virus è presente nel suo naso. La garanzia di essere riusciti a farlo bene? Nella macchina che analizza i tamponi è presente un controllo interno, che è in grado di dimostrare se la metodica è stata ben eseguita. 

"Una valida alternativa al tampone rinofaringeo"

La responsabile del laboratorio di Immunologia del Meyer, Chiara Azzari, spiega quali saranno i prossimi step: "Riteniamo opportuno continuare lo studio includendo anche i bambini positivi ricoverati nel reparto Covid dell'ospedale: saranno anche i genitori a fare loro il tampone per i controlli periodici durante il loro ricovero. I dati preliminari sono molto buoni e possiamo ragionevolmente aspettarci che non ci sarà nessuna differenza tra l’adeguatezza dei tamponi eseguiti dai genitori e quelli effettuati dagli operatori. Avere un tampone solo nasale e somministrato da babbo o mamma anziché da un operatore sarà altrettanto valido ma sicuramente molto meno invasivo per i bambini".

"Se le analisi finali - conclude la dottoressa - confermeranno questi primi risultati, considereremo raggiunti i nostri obiettivi: il tampone nasale autosomministrato potrà essere considerato una valida alternativa al tampone rinofaringeo somministrato dall’operatore, sia negli operatori sia nei bambini". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, in Toscana ecco l'autotampone nasale per la diagnosi del Covid-19: cos'è e come funziona

LivornoToday è in caricamento