Cronaca

Avr, pagati solo una parte degli arretrati promessi ai lavoratori licenziati: nuovo sciopero lunedì 11 gennaio

L'ad Nardecchia si era impegnato davanti al sindaco a saldare gli arretrati ai due lavoratori licenziati entro il 31 dicembre. Gli ex dipendenti: "Il pagamento degli stipendi fermo da aprile". Ceraolo: "Clima di terrore in azienda"

Claudio Nardecchia, presidente e amministratore delegato di Avr, il 16 dicembre aveva promesso ad Andrea Grisanti e Marco Danti, ex lavoratori dell'azienda licenziati, il pagamento di tutti gli arretrati entro il 31 dicembre. L'impegno era stato preso alla presenza dei sindacati e del sindaco Luca Salvetti, che si era mosso in favore dei lavoratori. Una promessa in buona parte disattesa perché, al 31 dicembre, sono state saldate soltanto alcune spettanze e la tredicesima. Grisanti e Danti, i due operatori licenziati, saranno quindi insieme ai loro ex colleghi, domani lunedì 11 gennaio, per manifestare contro i provvedimenti e l'atteggiamento dell'azienda ritenuti discriminatori, e per chiedere, oltre al reintegro, il completo pagamento degli arretrati non solo a loro ma a tutti gli altri lavoratori di Avr. "È sempre andata così - dice Andrea Grisanti -, l'azienda promette e poi non mantiene, ci danno solo un contentino dopo la mobilitazione dei sindacati. È successo lo stesso questa volta. Ci hanno pagato la tredicesima e alcune competenze, ma niente Tfr e con gli stipendi, non solo noi ma tutti i lavoratori, siamo fermi ad aprile 2020".

Sciopero Avr, i sindacati: "Chiediamo il reintegro dei lavoratori licenziati ingiustamente. E l'azienda paghi gli arretrati" 

Oltre alla parte economica Giovanni Ceraolo, sindacalista Usb (Unione sindacale di base), crede ci sia altro: "Secondo noi l'intento che Avr si era prefissa è stato raggiunto. In azienda c'è un clima di terrore e i lavoratori ci raccontano di minacce velate per disincentivare la partecipazione agli scioperi e alla vita sindacale". Il licenziamento di Grisanti, ex delegato di Usb, secondo Ceraolo "è mirato a indebolire la partecipazione e il ruolo del sindacato dentro l'azienda. Ma lo sciopero e l'adesione al sindacato sono diritti inviolabili dei lavoratori". E la mobilitazione non si ferma, assicura Ceraolo: "Lo sciopero di lunedì 11 - conclude Ceraolo - è stato indetto per chiedere il reintegro dei due lavoratori e per denunciare ancora una volta i ritardi nei pagamenti ai dipendenti Avr. Se una società che gestisce un servizio pubblico non è in grado di rispettare gli accordi presi direttamente col sindaco deve andarsene immediatamente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avr, pagati solo una parte degli arretrati promessi ai lavoratori licenziati: nuovo sciopero lunedì 11 gennaio

LivornoToday è in caricamento