Baratti, nuove scoperte archeologiche: alla luce tre tombe di epoca romana

Il ritrovamento durante la posa in opera di un nuovo tubo dell'acqua in prossimità del Parco archeologico. Il sindaco di Piombino Ferrari: "Nostro territorio di una ricchezza culturale unica"

Tre tombe, probabilmente di origine romana, sono state rinvenute durante i lavori di Asa condotti nel golfo di Baratti. A darne notizia il sindaco di Piombino Francesco Ferrari insieme all'assessore alla cultura Giuliano Parodi e al funzionario archeologo per la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Pisa e Livorno Andrea Camilli. Le sepolture sono tornate alla luce durante la posa in opera del nuovo tubo dell'acqua in prossimità del Parco archeologico: si tratta di due tombe a inumazione (sepoltura sotto terra) e una struttura riferibile probabilmente a una tomba a incinerazione (con combustione della salma). "La singolarità di questo ritrovamento - ha affermato il sindaco - dimostra ancora una volta la ricchezza culturale del nostro territorio, che possiede unicità storiche e archeologiche da valorizzare e promuovere sempre di più".

L'archeologa: "Rinvenuto anche uno scheletro di donna"

"La tomba 1 - ha spiegato l'archeologa Carolina Megale, che ha condotti gli scavi insieme a Martina Fusi sotto la direzione di Andrea Camilli - è costituita da una fossa rettangolare scavata nella terra e rivestita di lastre di pietra di reimpiego, provenienti da strutture più antiche. Al suo interno è stato rinvenuto lo scheletro del defunto, con molta probabilità una donna, che aveva ancora tra gli oggetti personali uno spillone in osso per capelli, mentre il resto del corredo è stato rubato in un momento ancora imprecisato".

tomba baratti-2

"La seconda tomba - ha continuato - era già completamente violata e all'interno della cassa c'era soltanto le lastre spaccate della copertura e qualche frammento di osso del defunto. La terza struttura, realizzata anch'essa con elementi architettonici di riuso, aveva forma quadrangolare e all'interno doveva contenere il cinerario con i resti combusti del defunto. La lastra di copertura - ha aggiunto - era stata già rimossa e all'interno sono stati raccolti frammenti di ceramica di epoca romana e un rarissimo frammento di vetro blu, riferibile ad una coppa da vino: si tratta del frammento di una linguetta che stava sull'ansa della coppa, sul quale si legge ancora il nome, in lettere greche e latine, dell'artigiano che l'ha prodotta nel I secolo d.C., Artas di Sidone".

tomba baratti 3-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parodi: "Materiale già preso in carico dalla Soprintendenza"

"Lo scavo - ha dichiarato Parodi - si è concluso in tempi brevissimi, il materiale rinvenuto è stato preso in carico dalla Soprintendenza e il tubo dell'acqua è stato sistemato a margine dei resti archeologici. L'obiettivo che ci prefiggiamo in collaborazione con la Soprintendenza e gli enti culturali è quello di riportare sul nostro territorio l'immenso patrimonio archeologico rinvenuto nel corso degli anni negli scavi condotti a Baratti e Populonia, patrimonio al momento disseminato su più sedi e in alcuni casi conservato all'interno di magazzini, che troverebbe invece una naturale collocazione nei musei di Piombino diventando volano per l'incremento del turismo culturale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Piazza Attias | Carabinieri e Municipale aggrediti da una cinquantina di ragazzini con calci, bastoni e pietre

  • Tragedia in viale Boccaccio, volontario della Misericordia di Montenero muore a 73 anni dopo un incidente

  • Caos Livorno, tre croci e una testa di maiale sul campo dello stadio: "Pagherete tutto". Indagano i carabinieri

  • Piombino, violenta e deruba una 70enne sulla spiaggia: arrestato 35enne

  • Coronavirus, impennata di nuovi positivi: 176 tra Livorno e provincia, 1145 in Toscana. Il bollettino di giovedì 22 ottobre

  • Coronavirus, non rispettano l'isolamento fiduciario e passeggiano per strada: denunciati padre e figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento