Semestrale Aamps, il Partito democratico: "Evitare l'aumento della Tari e fare un nuovo piano industriale"

L'analisi del Pd: "Positivi i primi atti della nuova amministrazione in termini di relazioni sindacali e di trasparenza"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LivornoToday

Riceviamo e pubblichiamo integralmente un comunicato della segreteria del partito democratico di Livorno in merito all'analisi del bilancio semestrale di Aamps letta nei giorni scorsi dal sindaco di Livorno, Luca Salvetti.

"Nell'ultima assemblea dei soci di Aamps il nuovo amministratore, presentando il bilancio semestrale, ha evidenziato i forti ritardi nell'attuazione del piano industriale, le criticità della sottostima dei costi della raccolta differenziata e l'impossibilità di realizzare alcuni degli investimenti del piano, che hanno creato una riduzione dei fatturati e delle entrate che porteranno Aamps a prevedere un bilancio in pareggio per il 2019 rispetto ai 5 milioni di utili previsti nel piano di concordato".

"Come Pd vogliamo evitare di cadere nella polemica dei numeri e delle responsabilità che evidentemente ci sono; per noi oggi conta di più il fare che l'apparire, perché questi dati denotano segnali di preoccupazione sul futuro di Aamps che impongono al comune e alla nuova amministrazione della società di rivedere il piano industriale, nel breve e nel medio-lungo periodo facendo molta attenzione a non compromettere il buon esito del concordato, migliorandone l'efficenza e la sostenibilità finanziaria, elementi importanti per garantire ad Aamps il ruolo che gli spetta quando entrerà in Reti Ambiente".

"Da parte nostra valutiamo positivamente i primi atti della nuova amministrazione in termini di relazioni sindacali e di trasparenza ed aspettiamo fiduciosi di conoscere il piano industriale e finanziario limitandoci indicare tre punti per noi rilevanti.
1) investire in nuovi impianti per ottimizzare riciclo e riuso della raccolta differenziata, oculati secondo il reale fabbisogno quantitativo e qualitativo della città. 
2) indipendentemente da quel che sarà il futuro del termovalorizzatore occorre che Aamps intervenga immediatamente sulle relative criticità impiantistiche, che hanno determinato un riduzione dei ricavi previsti. 
3) riorganizzare il servizio porta a porta per migliorare la quantità e la qualità dei rifiuti raccolti con investimenti tecnologici e ricercando un rapporto di collaborazione con i dipendenti e i cittadini per superare il malcontento presente e migliorare l'immagine della città".

"Il PD è attento alle necessità del lavoro, dell'innovazione impiantistica e dell'ambiente e ritiene che questi elementi siano migliorativi per la qualità della vita: per questo il Partito Democratico auspica un celere e strutturale risanamento aziendale da attuarsi nel nuovo piano industriale".

Pd Livorno

nella foto d'archivio la segreteria del Pd di Livorno

Torna su
LivornoToday è in caricamento