rotate-mobile
Cronaca

Aamps, bonifici da 11 milioni di euro alle banche. "Atto decisivo per la chiusura del concordato"

Inviato il denaro ai creditori bancari. Ora può aprirsi una nuova era per l'azienda dei rifiuti: "Avanti con gli investimenti e il miglioramento dei servizi"

"Ora avanti con gli investimenti e il miglioramento dei servizi". L’invio di bonifici per un importo di poco superiore agli 11 milioni di euro a favore dei creditori bancari, disposto nella giornata di giovedì 29 aprile, scrive di fatto la parola 'fine' su quella che è stata l’era concordataria di Aamps, la società per la gestione dei rifiuti del territorio livornese. Nei giorni scorsi, infatti, era stata annunciata l’imminente chiusura anticipata del concordato preventivo in continuità aziendale, una scelta adottata dalla precedente giunta, guidata dal sindaco pentastellato Filippo Nogarin, che avrebbe dovuto trovare conclusione nel 2022 e che invece, di fatto, terminerà con un anno di anticipo. 

Aamps, il concordato si chiuderà con un anno di anticipo. Salvetti: "Ora iniziamo a programmare il futuro"

"Questo pagamento - ha sottolineato l’amministratore unico Raphael Rossi - è il risultato di un gioco di squadra forte. Ai lavoratori, ai vertici di Aamps e all’amministrazione comunale va il mio ringraziamento per gli sforzi profusi". Dello stesso tono anche la comunicazione fatta dal sindaco Luca Salvetti nella giornata di oggi, venerdì 30 aprile, in apertura di consiglio comunale. "Era l’atto che stavamo aspettando per chiudere l’era concordataria - ha detto - Si tratta di un’operazione alla quale stavamo lavorando da due anni. L’obiettivo, fin dall’inizio, era quello di uscire prima dal concordato per rimettere l’azienda nelle condizioni giuste per operare e pensare al futuro. Ora andiamo avanti con questa prospettiva, contando di approdare in Reti Ambiente il prima possibile. Aamps - ha concluso - ha adesso l’opportunità, la forza e la struttura per fare un grande lavoro". 

Aamps, la maggioranza consiliare: "Concordato fu scelta scellerata, ecco perché ne festeggiamo la chiusura"

Non più tardi di mercoledì scorso, 28 aprile, lo stesso amministratore unico Raphael Rossi aveva illustrato i dettagli del bilancio aziendale 2020, che ha registrato un utile di 2.912.441 milioni di euro. Numeri positivi ai quali si aggiungeranno "nuovi investimenti - come ha puntualizzato lo stesso Rossi - che contribuiranno a migliorare l’efficacia e l’efficienza dei servizi resi alla città". "Un bilancio virtuoso - ha poi detto il sindaco Luca Salvetti in consiglio comunale - che darà la possibilità di cambiare volto all'azienda, fare un piano industriale per nuovi impianti e procedere verso il superamento dell'inceneritore".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aamps, bonifici da 11 milioni di euro alle banche. "Atto decisivo per la chiusura del concordato"

LivornoToday è in caricamento