rotate-mobile
Cronaca

Chiusura Bottini Fusion, Gonnelli: "Diritti sempre garantiti ai lavoratori, ecco i loro messaggi di solidarietà. Qualcuno ha voluto strumentalizzare..."

L'imprenditore livornese replica alle accuse di chi lamentava inadeguate condizioni di lavoro: "La migliore risposta sono le testimonianze di vicinanza ricevute dai dipendenti che ci hanno messo la faccia"

Cinque anni e mezzo di gestione "faticosa", iniziati con un entusiasmo nel tempo venuto meno per questioni di "decoro, sicurezza e burocrazia" che poco a poco hanno determinato la chiusura del locale. Così l'imprenditore Simone Gonnelli aveva argomentato le dinamiche che, la scorsa settimana, avevano portato ad abbassare le saracinesche di Bottini Fusion, il locale di proprietà dell'amministrazione comunale in piazza del Luogo Pio al servizio non solo del complesso museale dei Bottini dell'Olio ma di tutta la cittadinanza.

Ragioni che, tuttavia, erano state messe in discussione da alcuni dipendenti in una lettera inviata a LivornoToday in cui si accusava Gonnelli di "gestione indecente tra proposte di paga 'in nero' e turni senza pause", mentre l'amministrazione comunale rispondeva per la parte in causa evidenziando "violazioni continue e una ricostruzione fantasiosa". Accuse incomprensibili per Gonnelli che, anzi, replica portando la testimonianza di solidarietà e vicinanza di dipendenti ed ex dipendenti che si dicono estranei alle accuse mosse nella lettera raccontando la loro verità, dove oltre a mostrarsi dispiaciuti per il loro datore di lavoro, assicurano di aver "sempre ricevuto in busta paga quanto ci spettava" e "avere sempre avuto il tempo per le pause, per la cena, per i pranzi o per andare al bagno". Fino a chi, oltre il normale rapporto di lavoro, ringrazia Gonnelli per essergli stato di aiuto anche con il pagamento di "affitto e bollette" (in fondo all'articolo i messaggi dei dipendenti ed ex dipendenti, ndr).

Gonnelli: "Accuse nella lettera non corrispondono al vero e il degrado denunciato è documentato con numerose foto"

"In merito a quanto riportato dalla vostra testata - attacca Gonnelli - e in particolare riguardo a una presunta lettera in cui anonimamente si lamentano trattamenti ingiusti e condizioni di lavoro non rispettose dei loro diritti, la migliore risposta è trasmettere i messaggi ricevuti proprio dagli ex dipendenti che sono stati addetti a Bottini Fusion e che hanno invece deciso di metterci la faccia firmandosi e autorizzandone la pubblicazione".  "I dipendenti - prosegue Gonnelli - negano di aver mai scritto quella lettera, tantomeno di averla firmata o di averne in qualche modo la paternità. Ne hanno negato con forza anche il contenuto, mostrandomi una immediata solidarietà e indignandosi per essere stati interpellati. Ci tengo a sottolineare che in questa vicenda chi non ha rispettato i lavoratori è chi si è permesso di utilizzarli per attribuire loro dichiarazioni non verificate".

Infine, dicendosi personalmente dispiaciuto per la "gogna mediatica basata sul contenuto di una lettera anonima, chiaramente strumentalizzante e irrispettosa anche nei confronti dei lavoratori, oltre che non corrispondente al vero", Gonnelli risponde anche all'amministrazione comunale: "Con l'occasione ribadisco con forza che la realtà (verificata) dei locali di Bottini Fusion è quella per cui i miei tecnici, dopo aver ottenuto ‘parere favorevole' dallo stesso Comune e quindi la realizzazione dell'impianto di aspirazione, non sono mai riusciti ad avere l'approvazione del progetto, anche le loro ultime osservazioni sono rimaste completamente senza risposta da parte dell'amministrazione".

"Dal 2020 tramite la mia società ho inviato ben due istanze di audizione al Comune e non sono mai stato convocato - conclude l'imprenditore -. Il degrado della zona denunciato è stato documentato con numerose foto. Duole che non si sia trovato alcun argomento di risposta da parte dell'Amministrazione, se non rifugiarsi nel citare alcune multe e fare da cassa di risonanza alle dichiarazioni riportate in una lettera anonima".

I messaggi di solidarietà e vicinanza a Gonnelli di dipendenti ed ex dipendenti

Messaggio 1
Simo quanto mi dispiace per quella lettera, sicuramente verrà fuori il responsabile di queste calunnie infondate, piu che altro perchè sono state sparate una marea di "sxxxxxxe", noi abbiamo sempre ricevuto in busta quanto ci spettava. Non so chi abbia fatto questa lettera, ma se è chi penso io, oltre a non venire mai al lavoro, non si può permettere di parlare a nome mio.
Il lavoro ai Bottini era calato molto e tutti facevamo un po' tutto, ma c'era comunque tempo per andare in bagno, cenare e fumarsi una sigaretta. Sono veramente dispiaciuta perché non te lo meriti proprio.

Messaggio 2
Salve, sono un ex dipendente di Simone Gonelli che lavorava al ristorante Bottini Fusion. Voglio smentire tutto quello che è stato detto nella lettera pubblicata da LivornoToday: il titolare ha sempre pagato tutto regolare, tutte le ore erano registrate sulla busta paga, ferie pagate e mi ha anche aiutato per molto tempo con la casa in cui abito e mi ha aiutato anche con il pagamento delle bollette. Riguardante le pause nel locale c'erano le pause per il pranzo e la cena e se qualcuno aveva dei bisogni si poteva andare in bagno tranquillamente perché c'era sempre qualcuno che poteva sostituire al bancone!
Il titolare è sempre stato presente per aiutare nelle varie difficoltà tutti i dipendenti; se non poteva essere presente fisicamente lo era moralmente e quando aveva tempo veniva al locale per controllare che tutto fosse in ordine. Io personalmente lavoro con lui da 5 anni ed è stato onesto con me fin dall'inizio!
Per coloro che hanno voluto denunciare il titolare (dopo che il locale era chiuso) si dovrebbe capire il modo in cui volevano lavorare; perché non si può lasciare il posto di lavoro, nel proprio turno, con scuse inaccettabili e mettendo in difficoltà gli altri colleghi!
Questo è stato il mio personale pensiero riguardante il "problema " che è insorto dal nulla. Cordiali saluti.

Messaggio 3
Salve, sono un ex dipendente di Simone Gonelli che lavorava al ristorante Bottini Fusion. Vorrei dire che quello che è stato detto nella lettera pubblicata da LivornoToday non è vero: il titolare ha sempre pagato tutto regolare, tutte le ore erano registrate sulla busta paga, ferie pagate. Riguardante le pause nel locale c'erano le pause per il pranzo e la cena e se qualcuno aveva dei bisogni si poteva andare in bagno tranquillamente. Nella mia postazione di lavoro c'erano sempre presenti i vari dispositivi per garantire una preparazione adeguata ai vari piatti. 
Secondo me coloro che hanno fatto queste "denunce" contro il titolare non hanno delle fondamenta morali ragionevoli!
Cordiali saluti

Messaggio 4
Le difficoltà e i problemi sul posto di lavoro purtroppo si riscontrano quasi sempre e nel campo della ristorazione questa cosa succede anche più spesso.
Personalmente non posso essere d'accordo con le accuse in merito al nostro trattamento sul posto di lavoro. Non è vero e mai lo è stato che noi non potessimo andare in bagno o che non avessimo tempo per mangiare ed una gravissima accusa, visto che si tratta di diritti basilari. Abbiamo sempre avuto la nostra pausa pranzo con i cuochi che si preoccupavano di prepararci sempre qualcosa se non lo avevamo portato per conto nostro. La mole di lavoro era grossa soltanto in alcune fasce orarie ovvie, quali la colazione e l'orario d'aperitivo, perché delle volte neppure si avevano prenotazioni per il pranzo/cena e affermare che non ci fosse il tempo per andare in bagno lo ritengo abbastanza assurdo.
Personalmente ho avuto sempre piacere a lavorare in quel posto e in quella società, particolarmente a livello personale tanto da essere in ottimo rapporti con ex colleghi e datori di lavoro anche oggi che non ci lavoro più da diverso tempo, e ritengo assurdo rivolgere certe accuse così gravi ed alcune sicuramente false, anche per il fatto che nessuno è mai stato costretto a rimanere là come dipendente ma penso piuttosto che alcune persone abbiano approfittato delle situazioni contrattuali a loro favore fino a quando è tornato utile ai loro scopi quali assentarsi per mesi dal lavoro o non presentarsi proprio in servizio facendo un torto solo ai propri colleghi

Messaggio 5
Ciao Simo, Ti scrivo per la lettera che é stata scritta a Livornotoday.
dichiaro che ho lavorato presso Bottini Fusion e Scomposto avendo con te un rapporto lavorativo corretto, come te lo hai avuto con me sia per le paghe sia per il contratto. Per quanto riguarda la lettera io non ne ero a conoscenza, finché non ho letto l'articolo, ma non so chi l'abbia fatta.

Messaggio 6
Ciao Simone,
Ho letto lo spiacevole articolo pubblicato su LivornoToday, riguardante la lettera pubblicata a nome dei dipendenti di Bottini. Ti scrivo per esprimere il mio distacco da tale situazione. Non ho assolutamente partecipato alla cosa e ti dirò di più; confrontandomi con i colleghi, nessuno di questi era a conoscenza dell'accaduto, e ha in qualche modo contribuito alla stesura della suddetta lettera. Sono calunnie belle e buone! Non ho minimamente idea di chi possa aver fatto una cosa del genere.
La verità è ben diversa, i ritmi di lavoro erano più che rilassati.. purtroppo da mesi l'afflusso di clienti era più che esiguo, ed avevamo tutti la percezione che il locale non poteva essere in profitto. Abbiamo infatti apprezzato che sei andato avanti mesi e mesi prima di prendere la decisione, sicuramente sofferta, di chiudere Bottini. Tenevo a dirti questo. Rimango a disposizione per qualsiasi cosa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura Bottini Fusion, Gonnelli: "Diritti sempre garantiti ai lavoratori, ecco i loro messaggi di solidarietà. Qualcuno ha voluto strumentalizzare..."

LivornoToday è in caricamento