rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Cronaca Salviano / Via Peppino Impastato

Bretella di Salviano, inaugurato il ponte Peppino Impastato. Salvetti: "Fondamentale per il quartiere e per la città" | Foto e video

L'opera, progettata per mettere in sicurezza dal punto di vista idraulico il Rio Maggiore e per collegare il quartiere con il distretto sanitario, è stata inaugurata questa mattina. Giani: "Felice quando si realizzano opere così importanti"

Un'attesa lunga quasi 25 anni. Tanti ne sono serviti per vedere finalmente realizzata la bretella di Salviano, snodo fondamentale per la viabilità di un intero quartiere e della città tutta che, con il prolungamento di via Lando Conti, collega via dei Pelaghi (all'altezza della rotatoria con via Costanza) a via Peppino impastato, ovvero a via del Levante. Un'opera fondamentale la cui realizzazione, in progetto da fine anni Novanta, ha avuto un'accelerazione anche in seguito alle criticità riscontrate al ponte di Salviano dopo l'alluvione del 2017, con l'obiettivo di mettere in sicurezza dal punto di vista idraulico il Rio Maggiore in uno dei tratti più urbanizzati della città e, allo stesso tempo, risolvere un importante problema di viabilità senza creare disagi alla popolazioni, tenendo collegate la zona di Salviano con i quartieri La Leccia e La Scopaia.

Salviano, inaugurato il ponte "Peppino Impastato"

Ultimati i lavori e il collaudo, questa mattina di mercoledì 2 febbraio il sindaco Luca Salvetti ha quindi inaugurato il cosiddetto 'Ponte Impastato' alla presenza del presidente della Regione Eugenio Giani, dell'assessore regionale con delega alla difesa del suolo e alla protezione civile, Monia Monni, dell'assessore comunale Giovanna Cepparello, del comandante della polizia municipale, Annalisa Maritan, del prefetto Paolo D'attilio e del questore Roberto Massucci (presenti anche il consigliere regionale Francesco Gazzetti e monsignor Paolo Razzauti).

"In 24 mesi abbiamo sbloccato una situazione che si protraeva da troppi anni, realizzando questo ponte in tempi record - le parole del sindaco -. L'inaugurazione di oggi è importante soprattutto per la sicurezza del territorio che è sempre stato il nostro riferimento base. Quando siamo arrivati non c'era una situazione ideale da questo punto vista e l'abbiamo risolta grazie alla rete costruita con la Regione e il genio civile. Adesso con questa nuova strada si potrà gestire la mobilità in un certo modo, allentando la pressione sul quartiere in maniera sostanziale". Il prossimo passo sarà la il ponte in via di Salviano: "Sarà realizzato carrabile e non ciclo-pedonale così come ci era stato chiesto dai cittadini e commercianti - ha concluso il sindaco - e sarà l'ultimo tassello per completare l'intera opera". 

"Si tratta di un intervento che mi riporta alla mente quella tragica notte dell'alluvione - il commento del governatore Eugenio Giani -. Ricordo che passavo da Livorno per andare ad Aulla e la sera quell'acqua mi faceva già preoccuapre quasi come un presentimento. Sono orgoglioso quando a Livorno riusciamo a mettere in opera interventi che superano quella che fu la situazione di disagio". "La bretella - ha infine sottolineato il presidente della Regione - va a completare un quartiere che da un punto di vista della toponomastica ricorda Peppino Impastato e una persona a me molto cara come Lando Conti, l'ex sindaco di Firenze assassinato dalla Brigate Rosse il 10 febbraio 1986. Questa viabilità dà sollievo a tutti i cittadini e Conti, da bravo amministratore quale è stato, ne sarebbe orgoglioso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bretella di Salviano, inaugurato il ponte Peppino Impastato. Salvetti: "Fondamentale per il quartiere e per la città" | Foto e video

LivornoToday è in caricamento