rotate-mobile
FOTO E VIDEO / Banditella

"Busoni" in pessimo stato, servono almeno 110mila euro per riqualificarlo: il Comune tira fuori il bando per la gestione gratuita

Lavori a carico del gestore e durata della concessione fino a 15 anni in base agli investimenti. L'amministrazione contribuirà alle spese per un massimo di 8mila euro l'anno. Ecco intanto come si presenta l'impianto sportivo tra spogliatoi e locali tecnici completamente da rifare, altre strutture abusive da abbattere e impianti di irrigazione e illuminazione da rimettere a nuovo

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI LIVORNOTODAY

Eccolo il tentativo per rigenerare, riqualificare e ammodernare il "Busoni": un bando per la gestione gratuita, anzi con un contributo fino ad ottomila euro annui, a fronte di un investimento iniziale di almeno 110mila euro. Tanti, secondo quanto stimato dal Comune nell'avviso di gara, ne serviranno per riportare in vita l'impianto sportivo di Banditella che, ad oggi, versa in un pessimo stato. Lo dice chiaramente la scheda tecnica allegata all'avviso pubblico per l'individuazione di associazioni e società sportive senza scopo di lucro interessate alla riqualificazione e gestione del campo di calcio, con strutture a norma annesse, che potrà essere "sfruttato anche per organizzare eventuali attività complementari compatibilmente con le finalità sportive e sociali". Ma che, al momento, si presenta appunto in condizioni fatiscenti, come ben documentano foto e video appena precedenti alla pubblicazione del bando, la cui scadenza è fissata al prossimo 8 luglio.

Impianto sportivo Busoni, campo di calcio e strutture in pessimo stato: le immagini

Di buono, fatto salvi alcuni punti, c'è soltanto la recInzione e, al netto della mancata cura di anni di abbandono, il terreno del campo di calcio, che comunque non è poc. Il resto è tutto ruggine, porte rotte o inesistenti, finestre vandalizzate, spogliatoi completamente da rifare, baracchine abusive da abbattere, impianti di irrigazione, illuminazione e idraulici da ripristinare, erba da tagliare, alberi da potare e tribune, seppur in buono stato ma non a norma, da smantellare. Un peccato per quello che, un tempo, era stato il campo dell'Antignano, un paese più che un quartiere e una squadra, e quindi dei giovanissimi del Livorno,, l'accademia di una società che oggi attraverso un periodo tra i più bui dei suoi 109 anni di storia. E pensare che, neppure troppo tempo fa (era il 2014) si era parlato di un interessamento di sceicchi del Qatar pronti a investire 2-3 milioni per farne una cittadella dello sport. Con tanto di rendering arrivati fino a palazzo civico. Un sogno, nel frattempo meglio trovare qualche società pronta a tirare fuori almeno 110mila euro ripartendo dal taglio dell'erba, dal ripristino e ammodernamento di tutti i locali e dalla manutenzione dell'impianto. Sarebbe già qualcosa.

Campo Busoni di Livorno, tutte le informazioni sul bando per la gestione

Il bando per la gestione del del campo di calcio "Giovanni Busoni" di via Sernesi è estato pubblicato sul sito del Comune di Livorno. Il Comune assegnerà ogni anno 8mila euro a parziale sostegno delle spese correnti per la gestione dell'impianto. Le domande di presentazione possono essere inoltrate all’ufficio Protocollo del Comune entro le 12 dell’8 luglio, tramite raccomandata o consegna a mano. La durata dell'affidamento sarà di un minino di 5 anni fino a un massimo di 15. 

L'area, che al momento versa nel degrado più totale, comprende: campo centrale a 11 in erba naturale, impianto di illuminazione artificiale con pali distribuiti lungo il perimetro, tribunette in acciaio di tipo prefabbricato, zona di accesso e fabbricato adibito a spogliatoi e zona libera destinata a verde attualmente occupata da manufatti abusivi. 

Chi si aggiudicherà il bando sarà chiamato a effettuare degli investimenti obbligatori, stimati in 110mila euro, tra cui: 

  • demolizione strutture prive di titolo edilizio e relativa rimozione e smaltimento;
  • rigenerazione delle recinzioni del campo di gioco, dei relativi cancelli e delle superfici perimetrali dell'impianto;
  • riqualificazione e rifunzionalizzazione del campo di calcio e del relativo necessario arredo sportivo;
  • rigenerazione impianto di illuminazione a servizio del campo da gioco;
  • rimozione o sostituzione della tribuna con relativo certificato di idoneità statica;
  • rigenerazione e riqualificazione degli spogliatoi in muratura;
  • adeguamento generale degli impianti di illuminazione e termici rigenerati; 
  • realizzazione sistema di videosorveglianza a tutela dell'impianto.

Al bando possono partecipare le associazioni e società sportive senza fini di lucro iscritte al Rasd che abbiano almeno 100 iscritti e almeno 2 squadre iscritte a campionati a undici Figc nella stagione sportiva 2023/2024, in coerenza con la tipologia della struttura e nell'ottica di garantire la continuità dell'aggregazione sociale e giovanile.

Per poter partecipare alla procedura selettiva, gli interessati dovranno

  • presentare la domanda comprensiva degli allegati
  • dichiarare di accettare tutte le condizioni; 
  • aver effettuato il sopralluogo obbligatorio nell'impianto con richiesta da effettuarsi entro le 13 del 24 giugno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LivornoToday è in caricamento