rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Cronaca

Comune 2022, la giunta dà i numeri. Salvetti: "Inaugurate molte opere, obiettivo chiudere le partite aperte. Ma servirebbero dieci anni"

Il sindaco e la squadra di governo della città hanno illustrato i numeri dell'anno in corso e del mandato: tra le ore per i monitoraggi ambientali, le presenze dei turisti, i fondi per gli investimenti e gli interventi per la sicurezza, ecco cosa è stato fatto e cosa resta da fare. Poi l'apertura alla ricandidatura: "Mi piacerebbe"

Un numero a testa, qualche assessore che si concede uno strappo alla regola citandone un paio, e molti altri contenuti in un libretto consegnato alla stampa (qui il link per scaricarlo) nella tradizionale conferenza di fine anno del sindaco e della giunta. Un incontro, quello di venerdì mattina 23 dicembre, in cui la squadra di governo della città, Salvetti in testa, si è soffermata sulle molte cose fatte in questo anno e sugli obiettivi da raggiungere da qui a fine mandato, partendo dalle ore per i monitoraggi ambientali e dalle presenze dei turisti, per arrivare ai fondi per gli investimenti e agli interventi per la sicurezza, con la consapevolezza di avere ancora diverse partite da chiudere. "Per questo servirebbero dieci anni, un tempo giusto perché 5 non bastano per finire le cose - chiosa Salvetti alla fine della conferenza aprendo definitivamente alla sua ricandidatura -. Quando ho iniziato questo percorso avevo il dubbio di essere all'altezza, ma mi sono contornato di persone di valore in giunta e nella struttura comunale. Ebbene, dopo 3 anni e mezzo posso dire di avere fatto il sindaco come mi immaginavo. Poi qualcuno penserà che ho fatto le 'figurette', ma i cittadini mi fanno percepire un clima positivo, noi ci abbiamo messo tutto il nostro impegno. La ricandidatura? Non dipende solo da me, a livello nazionale e locale non ci sono certezze. Certo mi piacerebbe per chiudere tutte le partite ma se non sarò richiamato sarò sereno lo stesso".

La giunta dà i numeri, ecco quelli più significativi

In apertura di conferenza, inevitabile un punto su queste giornate in cui il porto di Livorno ha accolto circa 250 migranti salvati in mare dalle navi ong Live Support e Sea Eye 4. "In questi due giorni Livorno si sta confrontando con l'accoglienza dei migranti che arrivano dopo viaggi incredibili - le parole del sindaco -. Per questo mi fa piacere aver chiesto ai rappresentanti della protezione civile, con Lorenzo Lazzerini in testa, di staccarsi un attimo dalla banchina ed essere qui presenti. Da quattro giorni stanno facendo un gan lavoro, così come il personale sanitario rappresentato qui dalla dottoressa Cinzia Porrà. Ringrazio anche il settore del sociale, impegnato al 100% con gli assessori Raspanti, Monni e Spinelli, tutto il mondo del volontariato e i cittadini che si sono subito mobilitati. Abbiamo mostrato la faccia più bella di Livorno e della Toscana". 

Ricordata anche la figura di Rocco Pompeo, professore e assessore recentemente scomparso e che "ha fatto molto per questa città", il sindaco sceglie il suo numero che è il 506 come le "ore di monitoraggio ambientale sul territorio fatte dal demanio e dalla protezione civile. In questi tre anni e mezzo si è creata struttura in grado di monitorare il territorio stando sui fiumi, non davanti a un computer. è l'aspetto più qualificante di questo lavoro e dà un senso di sicurezza e cura".

Cultura, consigli di zona, sociale e verde pubblico
In collegamento streaming, l'assessore alla Cultura Simone Lenzi cita i "15-16mila visitatori che entro il 31 dicembre saranno andati al Museo della Città. Numeri che sono più che raddoppiati, un bell'incoraggiamento anche in vista della nomina del nuovo direttore che darà una nuova impronta al museo mantenendo tuttavia le mostre temporanee". "Io scelgo il 7 - prosegue la vicesindaco Libera Camici -, ovvero quanti saranno i consigli di zona che nasceranno a Livorno. Il 2023 sarà l'anno della partecipazione e i consigli di zona serviranno a ricreare il ponte tra Comune e cittadini. Ma vorrei anche aggiungere il 15, che è il numero dei ragazzi che faranno parte del consiglio comunale dei giovani". 

"Per me è significativo il 14 - dice l'assessore al Sociale Raspanti - che sono le assunzioni di assistenti sociali dopo 16 anni in cui non se ne facevano. Si tratta di un intervento strutturale che permette ora al Comune di meglio presidiare e rispondere alle esigenze del territorio". Di altro ordine il numero preferito dall'assessore all'Urbanistica Silvia Viviani: "650mila - dice - come i metri quadri di verde pubblico riqualificato. Il verde è salute e benessere e con il nuovo piano operativo sarà protagonista: un patrimonio prezioso per la città e i suoi abitanti".

Smaltimento rifiuti, assunzioni, rete ferroviaria interportuale
Doppia scelta per l'assessore alle attività produttive, Gianfranco Simoncini: "107 3c, un riconoscimento per la città che consente anche alle grandi imprese di accedere ai grandi investimenti. E poi 10 milioni, come gli euro erogati dal ministero dell'ambiente che serviranno a finanziare l'impianto per il trattamento di fanghi-forsu di Livorno". "Di milioni scelgo i 300 che grazie a Comune, Autorità di Sistema portuale e Regione saranno spesi per la rete ferroviaria che collegherà il porto di Livorno con l'interporto di Guasticce e la linea Collesalvetti-Vada", spiega l'assessore al Porto, Barbara Bonciani, mentre per l'assessore al Bilancio, Viola Ferroni, il numero è 'negativo' ma ovviamente in senso positivo: "Meno 7, che rappresenta l'abbassamento dell'età media dei dipendenti comunali dopo le  409 assunzioni fatte in questi tre anni".

Turismo e sicurezza stradale
Doppio numero anche per Rocco Garufo: "313.118, ovvero le presenze turistiche da gennaio a settembre 2022 a Livorno. Livorno - sottolinea l'assessore a Turismo e Commercio - è una delle poche realtà toscane che recupera il dato 2019, anno pre-pandemia, grazie agli eventi organizzati dal Lem e agli uffici comunali che promuovono la città. E poi 660mila euro di incasso per il Comune dalla tassa di soggiorno di quest'anno". "Io voglio sottolineare un dato - conclude l'assessore all'Ambiente Giovanna Cepparrello -, i 66 interventi per la sicurezza stradale. Anche grazie a questo lavoro sul viale Italia in estate si sono verificati il 34% in meno di incidenti con feriti"

In chiusura di conferenza le partite ancora aperte. Se per la riqualificazione di via Grande siamo vicini al progetto definitivo, per l'area mercatale Salvetti precisa di volerla vedere riqualificata entro la fine del mandato. "Ci stiamo impegnando sul progetto di bioraffineria che ha preso corpo - aggiunge il sindaco parlando di lavoro -, tra il 28 e il 29 dicembre saremo con Giani e Guerrieri sul cantiere della Darsena Europa. E poi  abbiamo fatto un lavoro di ricognizione per capire se potevamo sfruttare l'area al di là della Variante per nuovi insediamenti produttivi ma non è possibile". "L'ospedale? Il quadro è chiaro - prosegue Salvetti -, si deve fare per non lasciare ai margini Livorno ma siamo in linea con i tempi. E infine le infrastrutture: andiamo avanti tra mobilità leggera e collegamento all'alta velocità d'intesa tra Livorno, Pisa, Lucca e Firenze. La Tirrenica è chiaro che servirebbe, Salvini ha garantito che si farà".

Insomma, tante opere da completare oltre alle molte che invece sono state fatte e inaugurate. Manca il numero dei nastri tagliati e Salvetti, a margine della conferenza stampa, ci scherza su: "Sono tanti ma questo è positivo - conclude -, se ci sono tante cerimonie significa che abbiamo inaugurato molte cose. Qualcuno si divertirà pure sui social, a noi interessa invece fare il bene per questa città. E se conto i nastri, di cose ne abbiamo fatte davvero tante".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune 2022, la giunta dà i numeri. Salvetti: "Inaugurate molte opere, obiettivo chiudere le partite aperte. Ma servirebbero dieci anni"

LivornoToday è in caricamento