Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Perquisizioni in Comune, indagato per concussione un altro dipendente

Personale della squadra mobile e della Municipale nell'abitazione del geometra Daniele Miotto e negli uffici di Palazzo civico: sequestrati alcuni documenti e un computer

Un geometra di 46 anni del Comune di Livorno, Daniele Miotto, è indagato per concussione. È questo il reato il reato ipotizzato dagli inquirenti che ha portato tra l'altro anche alle perquisizioni nell'abitazione privata del professionista e negli uffici di palazzo civico nella mattina di ieri, lunedì 22 marzo.  Personale  della  squadra mobile e dalla polizia municipale hanno provveduto a sequestrare alcuni documenti e il computer del geometra e adesso spetterà agli investigatori stabilire eventuali responsabilità. 

Nei giorni scorsi, il Comune di Livorno era stato investito da un'altra indagine che il 12 marzo ha portato all'arresto per corruzione dell'ex responsabile dell'ufficio tecnico patrimoniale e procedure espropriative di palazzo civico, Marco Nencioni. Nell'inchiesta era fino agli arresti domiciliari anche un impreditore edile, Alessio Cristiglio, mentre altri otto professionisti erano stati denunciati a vario titolo. 

Miotto, come spiegato dal sindaco Salvetti nella mattina di oggi, faceva parte del dipartimento di edizilia privata e dal momento in cui l'amministrazione è venuta a conoscenza dell'indagine tutte le pratiche non ancora concluse (protocolli, scie, varianti) portate avanti dal 2009 al 2018 dal 46enne sono state riassegnate: "Come sempre detto - le parole di Salvetti - confidiamo sul lavoro della magistratura per far luce anche su questa vicenda. Appena ricevuta l'informativa del Gip nel giugno 2020 abbiamo provveduto con la rotazione straordinaria del personale spostando il dipendente ad altri uffici". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perquisizioni in Comune, indagato per concussione un altro dipendente

LivornoToday è in caricamento