Coronoavirus, Conte proroga le misure restrittive: "Chiusura fino al 3 maggio, ma segnali incoraggianti"

Il premier ha illustrato le novità che saranno contenute nel nuovo Dpcm: dal 14 aprile potranno riaprire alcune attività produttive e attività commerciali come cartolibrerie e negozi per neonati

La notizia era nell'aria, ma adesso è arrivata l'ufficialià. Le misure restrittive varate dal Governo dal diffondersi del Coronavirus in Italia sono state prorogate fino al 3 maggio. L'annuncio è stato dato dal premier Giuseppe Conte nella serata di oggi, venerdì 10 aprile, dopo la firma del nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm). "Mi assumo io la responsabilità politica di questa decisione - le parole del capo del governo - dopo essermi confrontato con tutte le istituzioni". Durante il suo discorso, il presidente del consiglio dei ministri ha parlato anche delle ripartenza di alcune attività produttive, della riapertura dei negozi e della "fase 2" per la quale è stato istituito un gruppo di lavoro formato da esperti ed è stato firmato un protocollo per la sicurezza sui luoghi di lavoro. 

Coronavirus Toscana, supermercati chiusi a Pasqua e Pasquetta

Coronavirus, Conte: "Si rimarrà in casa anche per i ponti del 25 aprile e 1 maggio"

Il premier ha così giustificato la decisione di prorogare le chiusure fino al 3 maggio: "La curva epidemiologica ci dice che le misure che abbiamo introdotto finora stanno dando i loro frutti. Non possiamo vanificare gli sforzi fatti perché questo vorrebbe dire ripartire da capo con il conseguente aumento di contagi e morti. Occorre mantenere alta la soglia di attenzione e per questo passeremo in casa anche i ponti del 25 aprile (festa della Liberazione, ndr) e primo maggio (festa dei lavoratori, ndr). Siamo tutti impazienti di tornare alla vita di prima, l'auspicio è che dopo il 3 maggio si possa ripartire con cautela e gradualità, ma questo dipenderà da come ci comporteremo in questo lasso di tempo". 

Coronavirus Toscana, vendita libera di prodotti di cancelleria

Attività produttive e negozi, cosa riapre dal 14 aprile

La proroga, come spiegato da Conte, vale anche per le attività produttive: "Faremo ripartire il motore del nostro Paese a pieno regime quando ci saranno le condizioni di sicurezza per farlo. Al momento non siamo ancora in questa fase, ma qualche piccola variazione ci sarà". Dal 14 aprile infatti potranno riaprire le cartolibrerie, le librerie e i negozi per bambini e neonati. Ripartiranno anche la silvicoltura e altre attività forestali". 

Governo già al lavoro sulla "Fase 2": i dettagli

La "Fase 2", quella di "convivenza con il virus", vedrà un graduale ritorno alla vita "normale" a partire da dopo il 3 maggio: "Non possiamo aspettare che il Covid-19 scompaia del tutto dal nostro territorio - sottolinea Conte - e proprio per questo abbiamo realizzato un programma da hoc, articolato e organico che si basa su due pilastri. Il primo sarà un gruppo di esperti, che avrà a capo Vittorio Colao (ex amministratore delegato di Vodafone, ndr) dialogherà con il comitato tecnico scientifico in modo da poter modificare, con il passare del tempo, le logiche dell'organizzazione del lavoro fin qui consolidate. Il secondo è rappresentato dal protocollo per la sicurezza nei luoghi di lavoro: rappresenterà la nostra Bibbia e consentirà di stabilire come avverrà la ripresa di tutte le attività produttive. Verrà aggiornato costantemente e il suo successo dipenderà da come dipendenti e datori di lavoro lo seguiranno". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caos Livorno, società latitante: dei soldi nessuna traccia e i giocatori se ne vanno

  • Coronavirus: 169 positivi tra Livorno e provincia, 2.508 in Toscana, ma crolla la percentuale rispetto ai tamponi. Il bollettino di mercoledì 18 novembre

  • Tragedia a Piombino, muore a 48 anni davanti alla compagna mentre fa trekking

  • Serie C, Grosseto-Livorno 1-0: Sicurella beffa gli amaranto nel recupero

  • Coronavirus: 174 positivi e 5 morti tra Livorno e provincia, 1.892 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di sabato 21 novembre

  • Natale 2020, luminarie in tutta la città a spese del Comune. E sulla Fortezza Nuova compare la scritta "Riparti Livorno"

Torna su
LivornoToday è in caricamento