Coronavirus Livorno, bollettino 4 marzo: "In quarantena preventiva 12 persone. Niente allarmismi, seguiamo procedure"

Salvetti: "Si tratta dei due familiari e di nove persone del personale sanitario venute a contatto con il paziente contagiato che, al momento, è stabile in Rianimazione. L'Asl dovrà spiegare cosa è successo al pronto soccorso, ma non vogliamo criminalizzare nessuno. Serve buonsenso e attenersi alle procedure"

"Le persone che saranno oggetto di ordinanza di quarantena sono dodici: 9 del personale sanitario, più la moglie del soggetto contagiato, la figlia e il medico curante. Il soggetto contagiato si trova, al momento in cui parliamo, ancora ricoverato in Rianimazione in condizioni critiche ma stabili". Sono queste le prime parole del sindaco di Livorno, Luca Salvetti, nella conferenza stampa tenuta in Comune oggi mercoledì 4 marzo alle 13.

+++Coronavirus, ultim'ora: scuole chiuse a Livorno e in tutta Italia+++

Un incontro che il primo cittadino ha ritenuto necessario per comunicare alla cittadinanza lo stato attuale della situazione dopo il primo caso di positività al Coronavirus registrato a Livornoserata di martedì 3 marzo, non risparmiando qualche velata critica all'Asl Toscana Nord Ovest per la mancata presenza alla conferenza stampa e la mancanza di comunicazioni dell'Azienda. 

Salvetti: "Non è il momento di criminalizzare nessuno, ma l'Asl dovrà spiegare cosa è successo"

"Ripeto che al momento in cui parliamo (ore 13.39, ndr) il paziente è in condizioni critiche ma stabili in Rianimazione. Certo, servirà un chiarimento da parte dell'Asl su cosa eventualmente non ha funzionato al pronto soccorso, ma non è il momento di criminalizzare nessuno. Il soggetto probabilmente non doveva arrivare in pronto soccorso, non doveva essere lì. Ma sono cose da valutare più avanti con un'inchiesta interna. Doveva esserci anche un rappresentante dell'azienda sanitaria, ma mi hanno detto che c'è emergenza e non potevano essere qui, mi auguro che poi faranno chiarezza". 

Coronavirus: sintomi, modalità di trasmissione e prevenzione

Salvetti: "Atteniamoci alle procedure, serve buon senso"

"Le scuole non vengono chiuse salvo diversi provvedimenti regionali o ministeriali - continua il sindaco prima ancora che sia divulgata l'informativa ministeriale con le scuole chiuse fino a metà marzo -. Comprendo il panico, ma con la paura non si va da nessuna parte. Mi chiedono il nome del paziente, ma non è dando la caccia all'untore che si risolvono i problemi. Deve esserci buonsenso. Grande calma e serenità, ma certamente vogliamo capire senza criminalizzare."

"Dobbiamo stare tutti molto attenti per non limitare libertà personali e diritti - aggiunge infine il prefetto, Gianfranco Tomao -. Dobbiamo attenerci rigorosamente alle disposizioni secondo la catena di comando, seguito le direttive di governo e regioni. Tutte le misure sono state affinate secondo le indicazioni fornite da una commissione scientifica presso la protezione civile e solo a questa dobbiamo fare riferimento, altrimenti si genera confusione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Follia in viale Ippolito Nievo | Rider distrugge il distributore con la pompa della benzina, ma le telecamere riprendono tutto. Video

  • Pesca sportiva, due livornesi fermati con 48 chili di orate: multa di 8mila euro, il pesce regalato alla Caritas

  • Caos Livorno, i soldi non ci sono: si rischia l'esclusione dal campionato. Navarra: "Ore contate, ma c'è uno spiraglio"

  • Coronavirus Livorno, distribuzione gratuita di mascherine dal 4 dicembre: ecco dove

  • Nuovo Dpcm Natale | Spostamenti, ristoranti, cenone, messe e coprifuoco: le misure nella bozza del governo

  • Toscana zona rossa, l'ordinanza di Giani: nuove misure anti Covid per spostamenti ed attività

Torna su
LivornoToday è in caricamento