menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, carcere di Livorno: colloqui via Skype per i detenuti

La proposta del garante Giovanni De Peppo: saranno attivate due o tre postazioni internet per permettere ai carcerati di parlare con i propri familiari

Oltre alla tenda davanti l'ingresso che funge da triage, a breve entrerà in vigore un'altra importante novità all'interno del carcere di Livorno. Lo ha spiegato all'Ansa il garante dei detenuti del Comune di Livorno Giovanni De Peppo: "Verrà attivato un servizio Skype per permettere ai detenuti di poter avere un colloquio con i propri familiari attraverso un collegamento internet con postazioni pc dedicate".

Coronavirus, accesso servizi comunali: aperti solo Palazzo Vecchioe l'Anagrafe

Questa soluzione, secondo De Peppo, ha uno scopo ben preciso: "Sperimo che quanto stabilito alleggerisca il clima di preoccupazione per la sospesione dei colloqui e delle visite da parte dei detenuti, in seguito all'emergenza Coronavirus". Le postazioni saranno due, massimo tre, attive sia la mattina che il pomeriggio grazie all'impegno della polizia peniteziaria. Il progetto inizialmente sarà partirà solo su Livorno ma non è escluso che possa essere esteso anche alla Gorgona che, attualmente, accoglie un centinaio di detenuti.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piatti regionali, la ricetta della ribollita toscana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento