Coronavirus Livorno, i detenuti sulle videochiamate in carcere: "Diventino la normalità una volta finita l'emergenza"

I carcerati, tramite il garante Giovanni De Peppo, hanno scritto alle più alte cariche dello Stato affinché la loro richiesta venga esaudita

La paura che opprime, la libertà che all'improvviso viene meno, i legami e le relazioni tenute insieme dal filo sottile della distanza, il non sapere come e quando tutto questo finirà restituendoci, inevitabilmente cambiata, la normalità. Dietro l'emergenza coronavirus, e al rischio contagio, c'è anche questo. E la paura, all'interno degli istituti di pena, è arrivata amplificata e con un impatto ancora più forte perché lì viene meno anche la possibilità di disporre pienamente della propria vita, che si snoda in spazi angusti e affollati, dove il contagio potrebbe propagarsi in maniera più veloce.

Coronavirus, i detenuti di Livorno donano 800 euro all'ospedale

Per dare calma e serenità ai detenuti in tempo di Covid 19 è necessario un gesto di umanità, soprattutto adesso che, per necessità, sono stati annullati colloqui e visite di parenti e familiari. Per questo all'interno del carcere di Livorno sono state allestite  delle postazioni video attraverso le quali i detenuti possono parlare e vedere i familiari. Una soluzione temporanea che, tuttavia, i carcerati vorrebbero far diventare definitiva ed è per questo che, attraverso il garante Giovanni De Peppo, hanno chiesto l'intervento delle più alte cariche dello Stato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus Livorno, la lettera dei detenuti: "Noi e voi prigionieri. Sconfiggeremo il Covid-19 con la solidarietà"

Videochiamate alle Sughere, De Peppo "Vogliamo assicurare diritti e garantire la sicurezza"

Le postazioni video all'interno delle Sughere si stanno rivelando fondamentali soprattutto dal punto di vista educativo: "Dobbiamo ringraziare il direttore del carcere Carlo Mazzerbo, ma anche un gruppo di agenti della polizia penitenziaria se le videochiamate sono diventate una bella realtà - dichiara il garante dei diritti delle persone private della libertà personale Giovanni De Peppo -. Assicurare diritti e garantire sicurezza sono le azioni che in un istituto di pena vanno sempre d'accordo e in questa fase più che mai impariamo che solo la sensibilità, l'umanità e la professionalità di tutti possa salvarci". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Piazza Attias | Carabinieri e Municipale aggrediti da una cinquantina di ragazzini con calci, bastoni e pietre

  • Tragedia in viale Boccaccio, volontario della Misericordia di Montenero muore a 73 anni dopo un incidente

  • Caos Livorno, tre croci e una testa di maiale sul campo dello stadio: "Pagherete tutto". Indagano i carabinieri

  • Coronavirus Toscana, dal 18 ottobre i tamponi si possono prenotare online: ecco come fare

  • Venezia, movida irresponsabile con assembramenti, fumogeni e risse: gli interventi delle forze dell'ordine

  • Coronavirus Livorno, esercizi commerciali di vendita al dettaglio aperti dalle 6 alle 22: l'ordinanza di Salvetti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento