Coronavirus Livorno, a Montenero le mascherine cucite a mano da nonna Amelita per i cittadini

I presidi si possono ritirare gratuitamente alla Misericordia che le distribuirà in singoli pezzi ai cittadini: "Un gesto bellissimo in un momento difficile"

Si è messa a disposizione degli abitanti di Montenero, ma più in generale di Livorno, cucendo a mano mascherine da poter indossare in questo momento difficile. La stora, di quelle che toccano il cuore, è quella di Amelita, un'anziana signora che potrebbe essere la nonna di chiunque e che, pur non facendo la sarta di lavoro, maneggia ago e filo da una vita. Anche per ingannare il tempo, da trascorrere necessariamente in casa, Amelita ha deciso di rimboccarsi le maniche cercando di dare una mano ai suoi concittadini. Così, in piena emergenza Coronavirus, viste le difficoltà nel reperire i dispositivi di protezione individuale, ha deciso di crearli lei stessa pregando poi la Misericordia di Montenero di distribuirli gratuitamente a chiunque ne faccia richiesta. 

 mascherine-2 

La Misericordia di Montenero: "Grazia a nonna Amelita per la sua generosità"

A raccontare com'è nata questa particolare sinergia tra la Confraternita e nonna Amelita è il governatore della Misericordia di Montenero, Elena Del Corso: "Un giorno, la mamma di un nostro volontario ci ha detto che una donna era disposta gratuitamente a cucire delle mascherine, ma non aveva gli strumenti per poterlo fare. Noi ci siamo messi subito alla ricerca del materiale: dopo aver reperito i teli sterili abbiamo comprato gli elastici e consegnato il tutto ad Amelita". "In soli tre giorni ne ha prodotte 30 - continua Del Corso - pregandoci di distribuirle gratuitamente a chiunque ne faccia richiesta. Visto che comunque ci vuole tempo per la loro realizzazione, al momento ne daremo soltanto una per persona che si presenta da noi". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un gran bel gesto nei confronti della Misericordia, non il solo nei confonti della confraternita: "Un residente del nostro quartiere - conclude la governatrice - ci ha donato altre tre confezioni di mascherine chirurgiche. Anche questo è stato un gesto bellissimo che ci fa capire quanto le persone ci siano vicine in questo momento". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Livorno, morto il primo paziente risultato positivo al Covid-19: aveva 55 anni, era ricoverato da 25 giorni

  • Coronavirus Livorno, file ordinate ai supermercati e spesa a domicilio: ecco i negozi che consegnano a casa

  • Coronavirus, è morto Paolo D’Ercole: ex portiere di calcio e dipendente Aamps, aveva 69 anni

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi a Livorno, 224 in Toscana. Il bollettino di venerdì 27 marzo

  • Coronavirus, un morto a Cecina e 35 nuovi casi tra Livorno e provincia: il bollettino di lunedì 30 marzo

  • Coronavirus, lo studio: Toscana ultima regione italiana a fermare la diffusione dei contagi

Torna su
LivornoToday è in caricamento