Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Coronavirus, indignazione social per la "merenda condominiale" a base di frati

Un cartello, affisso nell'atrio di un condominio, invita i bambini a una merenda di gruppo per domani 17 marzo. Un'iniziativa mossa da buoni propositi di solidarietà che tuttavia mette a rischio i più piccoli e viola le buone norme di comportamento da seguire nell'emergenza

Restare a casa. Più che un consiglio è un obbligo, un mantra ripetuto ai quattro venti in continuazione. E se la maggior parte dei livornesi sembra aver recepito il messaggio per limitare al massimo la diffusione del coronavirus, sono ancora tanti quelli che pensano di essere in "ferie anticipate". È significativo il caso avvenuto nel pomeriggio di oggi 16 marzo in un condominio del centro città in cui un cittadino, con un cartello affisso nell'ingresso, ha promosso un'iniziativa rivolta ai bambini per una merenda di gruppo a base di frati.

Coronavirus Livorno, tombolata tra finestra e balconi: in Corea la quarantena tra ambo e cinquina

"Scendete muniti di mascherine e guanti", raccomanda l'organizzatore ma, ovviamente, non è una misura sufficiente ad arginare il contagio da coronavirus. L'insolito invito è stato pubblicato su un gruppo facebook suscitando immediatamente l'indignazione di tante persone. La speranza è che l'evento, assolutamente vietato in questo momento per quanto animato da uno spirito di solidarietà, venga annullato e sostituito magari con forme di aggregazione virtuali consentite. Senza il bsogno che si debba ricorrere alle forze dell'ordine già impegnate a pattugliare le strade della città.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, indignazione social per la "merenda condominiale" a base di frati

LivornoToday è in caricamento