Coronavirus, la Costa Diadema a Piombino: a bordo 1.255 membri dell'equipaggio, alcuni con sintomi da Covid-19

L'annuncio è stato dato dal ministro dei Trasporti, Paola De Micheli. Il sindaco del comune livornese: "Sulla nave ci sono persone malate, ma nessuna di loro entrerà in contatto con i miei concittadini"

foto Roman Hofer, licenza CC BY-SA 2.0

La nave Costa Diadema (foto Roman Hofer, licenza CC BY-SA 2.0), battente bandiera italiana partita da Dubai lo scorso 14 marzo con a bordo solamente membri dell'equipaggio (1.255 di cui 155 italiani) ha trovato nel porto di Piombino uno scalo pronto ad accoglierla. L'attracco è previsto tra la notte e le prime ore di questa mattina, lunedì 30 marzo. A darne notizia è direttamente il ministro dei Trasporti Paola De Micheli. Sull'imbarcazione, come riportato sia dal Mit che dal sindaco di Piombino, sono presenti persone che presentano sintomi simili a quelli del Coronavirus e che "saranno immediatamente trasferiti negli ospedali nazionali con mezzi idonei e dedicati" spiega il primo cittadino Francesco Ferrari. I restanti membri dell'equipaggio invece resteranno sulla Costa Diadema in quarantena e saranno quotidianamente monitorati dal personale sanitario

Il ministro Paola De Micheli

La nave Costa Diadema a Piombino, il ministro De Micheli: "Garantiremo la sicurezza dei cittadini e lavoratori portuali"

Dopo essere stata respinta da numerosi porti come Gioia Tauro e la Spezia, la nave sarebbe dovuta arrivare a Civitavecchia, dove era già in rada dal 27 marzo, il 5 aprile. Tuttavia, spiega il Mit, il porto del comune laziale era impegnato nell'accoglienza di altre navi da crociera e così è stato ritenuto che la Costa Diadema dovesse attendere prima di poter attraccare. Proprio durante l'attesa, alcuni membri dell'equipaggio hanno accusato sintomi simili a quelli del Covid-19, pertanto la Guardia costiera avvisata dal comandante della nave si è mantenuta in contatto per l'eventuale evacuazione di emergenza.

In un primo momento era stata valutata l'ipotesi Marsiglia, ma poi è arrivato il via libera da parte di Piombino dopo una telefonata tra il ministro De Micheli e il sindaco: "Saranno garantiti la sicurezza sanitaria dei cittadini - dichiara il ministro -, dei lavoratori portuali e dei membri dell'equipaggio. Le procedure di verifica sanitaria, isolamento ed eventuali trasferimenti saranno organizzate, come già avvenuto in questi giorni, secondo le previsioni del decreto e mantenendo in stretto coordinamento tutte le autorità preposte. Ringrazio il sindaco di Piombino per la responsabilità e disponibilità immediata dimostrate”.​

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco di Piombino: "Scelta giusta, nessun membro dell'equipaggio entrerà in contatto con la nostra comunità"

È lo stesso Ferrari a spiegare i perché di questa scelta, rassicurando la popolazione del comune livornese: "Si tratta di una nave italiana con a bordo alcuni membri dell'equipaggio nostri connazionali. Era doveroso da parte mia rispondere in maniera affermativa alla richiesta del ministro. Tuttavia, ho chiesto e preteso alcune rassicurazioni. Posso garantire che nessun cittadino di Piombino entrerà in contatto con le persone a bordo della nave e tutte le operazioni saranno dirette da una macchina organizzativa che farà restare al sicuro tutti i miei concittadini. Era giusto - conclude il sindaco - dire che Piombino c'è e aiutare queste persone a tornare nel proprio paese di origine e gli italiani dalle rispettive famiglie". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate 2020, slittano le riaperture dei bagni: "Troppe incognite, poco tempo per organizzarsi". A rischio la stagione ai Fiume

  • Baracchina Rossa multata, lo sfogo del titolare e le scuse dal sindaco: "Siamo esasperati". Salvetti: "Non lucreremo sui livornesi"

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

  • Truffe internazionali nella vendita delle case, 28 i casi a Livorno: quattro arresti, sequestrate villa e auto di lusso

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

Torna su
LivornoToday è in caricamento