Coronavirus, a Piombino sotto osservazione due famiglie lombarde. Il sindaco: "Nessun sintomo della malattia"

Nuovo caso anche a Rosignano dove un lavoratore, di ritorno dal nord Italia, e i suoi familiari sono stati messi in isolamento

A Piombino e Rosignano tre famiglie sono state messe in quarantena come prevenzione contro il Coronavirus. Nel primo caso si tratta di due nuclei familiari del nord Italia mentre nel secondo di un lavoratore che, per qualche giorno, si era recato in trasferta in alcuni comuni facenti parte della cosiddetta "zona rossa". Entrambe le misure, come specificato dai rispettivi sindaci, sono state prese "a scopo precauzionale" e in entrambi i comuni livornesi "non si registrano casi accertati di Covid-19". 

Coronavirus, primi due casi in Toscana

Coronavirus, a Piombino due famiglie lombarde in quarantena volontaria 

A Piombino due famiglie di origine lombarda sono in quarantena volontaria sotto monitoraggio attivo da parte di Asl in quanto, di rientro da una vacanza, sono impossibilitate a rientrare nella città di provenienza, interdetta a causa della diffusione del Coronavirus. La notizia è stata data, nel tardo pomeriggio del 24 febbraio, dal sindaco del comune livornese Francesco Ferrari il quale, cercando di tranquillizzare i suoi cittadini, ha annunciato che "nessuno dei nuclei presenta sintomi della malattia". Il primo cittadino, così come fatto anche da Salvetti a Livorno, prova a smorzare qualunque tipo di allarmismo: "Non c'è nessun caso accertato di Coronavirus. Per eventuali aggiornamenti si raccomanda di seguire le buone pratiche indicate dal Ministero della Salute".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, assalto alle farmacie: esauriti gel disinfettanti e mascherine

Coronavirus, a Rosignano lavoratore torna dal nord Italia: intero nucleo familiare sotto osservazione 

Un nuovo caso a Rosignano dopo quanto accaduto a una famiglia di Casalpusterlengo. Asl e amministrazione comunale hanno comunicato che, nel pomeriggio del 25 febbraio, nei confronti di un lavoratore, di ritorno da una trasferta nel nord Italia che lo ha visto attraversare anche comuni della zona rossa per il Covid19, è stata attivata una misura di sorveglianza sanitaria. L'uomo, fortunatamente, è in buona salute e non presenta sintomi dell'infezione. La misura preventiva, a titolo di estrema precauzione, è stata volontariamente estesa ai familiari conviventi. "La decisione è stata presa - spiegano il sindaco Daniele Donati e l'Asl - per estrema prudenzialità e non sussiste in questo momento nessun elemento di preoccupazione al riguardo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate 2020, slittano le riaperture dei bagni: "Troppe incognite, poco tempo per organizzarsi". A rischio la stagione ai Fiume

  • Baracchina Rossa multata, lo sfogo del titolare e le scuse dal sindaco: "Siamo esasperati". Salvetti: "Non lucreremo sui livornesi"

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

  • Truffe internazionali nella vendita delle case, 28 i casi a Livorno: quattro arresti, sequestrate villa e auto di lusso

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

Torna su
LivornoToday è in caricamento