Centro riabilitazione post Covid, Cgil contro l'Asl: "Gestione inaccettabile, l'Azienda coinvolga tutti gli attori"

L'attacco del sindacato sulla struttura di Campiglia Marittima: "Doveva essere solo per pazienti negativi, ma il progetto è cambiato. Serve un confronto, lo chiediamo da 20 giorni senza risultato"

Foto Ufficio stampa Asl

Avrebbe dovuto essere un centro di riabilitazione per pazienti post Covid e invece quello di Campiglia Marittima, secondo quanto denunciato dalla Cgil tre settimane fa, si è da subito trasformato in una struttura che accoglie anche soggetti positivi. Una diversificazione del progetto iniziale portata alla luce dal sindacato che, nei giorni scorsi, ha chiesto all'Asl un confronto per capire come sarebbe stato gestito il centro e, soprattutto, la formazione degli operatori sanitari all'interno della struttura. Confronto che, invece, non sarebbe mai avvenuto, così come spiegano Monica Cavallini, vicesegretario provinciale Cgil, e Simone Assirelli, funzionario Fp-Cgil, entrambi con delega alla Sanità, in un lungo comunicato che riportiamo integralmente. 

"Il metodo utilizzato dall'Asl per la gestione del Centro di riabilitazione di Campiglia è inaccettabile - dicono dalla Cgil -. Sul presente e sul futuro della struttura servono chiarimenti urgenti. Fino a oggi - malgrado la nostra richiesta risalisse allo scorso 10 aprile - non è stato possibile ottenere un incontro congiunto con Asl e sindaco: l'Azienda ha infatti deciso di procedere su tavoli separati.

Continuiamo dunque ad evidenziare la nostra contrarietà a procedere verso un progetto diverso da quello che conoscevamo e che ci è stato presentato (cioè un centro riabilitativo per pazienti negativizzati). Siamo contrari non per principio, ma per tutta una serie di problemi che derivano da questa scelta e perchè la promiscuità - ci è stata data lezione in questi mesi - accresce il rischio.

Coronavirus, la denuncia: "Pazienti positivi nel centro di riabilitazione post Covid-19 a Campiglia Marittima" 

"Ribadiamo che vi sono forti criticità, dal punto di vista organizzativo, legate alla diversificazione dei percorsi 'sporco' e 'pulito' e alla vicinanza della Rsa. Evidenziamo inoltre come il personale addetto ai pazienti Covid non abbia ricevuto né un'adeguata formazione né le dovute visite mediche per verificare l'idoneità alla gestione di questo tipo di pazienti.

L'Azienda continua a sostenere che c'è stata la necessità di rispondere ad un'emergenza: bene, ci fornisca i dati. A oggi l'Asl non ci ha ancora chiarito con precisione quanti siano i posti letto per la riabilitazione dei pazienti Covid e quale sia la percentuale della loro occupazione. Chiediamo inoltre chiarimenti in relazione alle prospettive della riabilitazione visto l'abbassamento dei soggetti in rianimazione.

Riteniamo inoltre non più rinviabile un confronto con l'azienda e con la Conferenza dei sindaci. La gestione del centro riabilitativo di Campiglia non è un problema che riguarda solo i lavoratori e i cittadini di quel territorio: sulla questione deve intervenire anche la Società della salute delle Valli Etrusche. Serve un maggior coinvolgimento di tutti gli attori in campo, anche in vista del futuro piano sociosanitario.

Sottolineiamo infine come la chiusura dei servizi sociosanitari di prossimità abbia creato non pochi problemi ai cittadini che adesso non riescono più a trovare risposte sul territorio. Non è ancora chiaro quando questi servizi potranno riaprire. All'Asl chiediamo dunque di fare chiarezza anche in relazione a questa questione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Foto Ufficio stampa Asl)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Piazza Attias | Carabinieri e Municipale aggrediti da una cinquantina di ragazzini con calci, bastoni e pietre

  • Tragedia in viale Boccaccio, volontario della Misericordia di Montenero muore a 73 anni dopo un incidente

  • Caos Livorno, tre croci e una testa di maiale sul campo dello stadio: "Pagherete tutto". Indagano i carabinieri

  • Venezia, movida irresponsabile con assembramenti, fumogeni e risse: gli interventi delle forze dell'ordine

  • Coronavirus Toscana, dal 18 ottobre i tamponi si possono prenotare online: ecco come fare

  • Coronavirus Livorno, esercizi commerciali di vendita al dettaglio aperti dalle 6 alle 22: l'ordinanza di Salvetti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento