Coronavirus Toscana, dal 24 aprile sarà consentita la vendita di cibo da asporto in ristoranti e locali

Le ordinazioni andranno prese esclusivamente online e all'interno dei locali potrà entrare un cliente alla volta. Continua invece il divieto per i ristoranti di far consumare il pasto sul posto

A partire dal 24 aprile, in Toscana ristoranti e locali che somministrano alimenti potranno vendere cibo da asporto. La decisione è stata presa dal presidente Enrico Rossi nell'ordinanza firmata nel pomeriggio del 22 aprile. La vendita, seconodo quanto disposto, dovrà essere effettuata previa ordinazione online o telefonica. Gli ingressi nei locali, al fine di evitare il formarsi di assembramenti, dovranno avvenire solo per appuntamentie e solo una persona alla volta. Resta invece sospesa per i ristoranti ogni forma di consumo sul posto.

Collesalvetti, locale vende cibo da asporto: multato

L'ordinanza firmata da Rossi conferma inoltre la possibilità di vendite di semi, piante, fiori ornamentali e piante in vaso anche negli esercizi commerciali specializzati. È consentita anche la vendita di calzature per bambini sia all'interno dei negozi di  abbigliamento per bambini che in quelli che commercializzano esclusivamente calzature per bambini.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio ghiaccio e temperature sotto zero: a Livorno è allerta meteo per martedì 12 gennaio

  • Coronavirus, l'annuncio di Giani: "La Toscana resta in zona gialla". Novità sugli spostamenti tra regioni, musei e asporto

  • Calciomercato Livorno: acquisti, cessioni e trattative. Gli aggiornamenti della sessione invernale

  • Allerta meteo a Livorno, codice giallo per rischio neve e ghiaccio nella notte tra sabato e domenica 17 gennaio

  • Coronavirus: 79 positivi tra Livorno e provincia, 379 in Toscana. Il bollettino di lunedì 11 gennaio

  • Livorno in crisi, Dal Canto si sfoga: "L'unico obiettivo è evitare l'ultimo posto. Mercato? Non viene niente"

Torna su
LivornoToday è in caricamento