Coronavirus Toscana, Rossi: "Screening di massa in tutta la regione. Pronti 500mila test, priorità a medici, infermieri e Oss"

Il governatore: "La nostra sanità si conferma al top. Inoltre, ho autorizzato anche la creazione di 280 posti letto in alcuni reparti di terapia intensiva degli ospedali del territorio"

Dopo aver chiesto l'arrivo negli ospedali toscani del farmaco "anti Covid-19" e disposto la distribuzione di 94mila Dpi, la Regione, come dichiarato dal presidente Enrico Rossi, è pronta a effettuare uno "screening di massa" grazie all'acquisto di 500mila test del sangue per identificare e isolare asintomatici e contagiati. "La nostra sanità - le parole del governatore - si conferma come un vero e proprio patto per la salute, un patto collettivo e in questo momento ci sentiamo comunità più di sempre".  Inoltre, con un'ordinanza di oggi, mercoledì 18 marzo, è stato dato il via libera alla realizzazione di 280 postazioni aggiuntive in alcuni reparti di Terapia intensiva degli ospedali regionali: una misura straordinaria per il contrasto ed il contenimento del Coronavirus.

Coronavirus, arrivo 2mila tra infermieri e oss negli ospedali toscani

Coronavirus, la Toscana avvia uno screening di massa

Secondo quanto annunciato da Rossi, nella regione sarà potenziata la diagnosi col tampone così da migliorare il contenimento della malattia: "Il prossimo passo è il test sierologico - spiega il presidente -, un esame del sangue che svela la presenza di anticorpi indicativi del passaggio del virus e che ci aiuterà nel prendere le migliori decisioni su isolamento e guarigione. Abbiamo ordinato a più fornitori di mettere a disposizione 500mila test. La priorità verrà data ai 60mila dipendenti della sanità toscana e privata. Successivamente i test saranno distribuiti su tutto il territorio ed effettuati da unità speciali. Ce ne sarà una per ogni distretto di 30mila persone e saranno i pediatri o medici di famiglia a indicare su chi svolgere l'esame. Chi risulterà positivo sarà posto in quarantena".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Approvata la realizzazione di 280 posti letto in alcuni reparti di Terapia intensiva della regione

In aggiunta allo screening di massa, il presidente ha dato il suo benestare alla realizzazione di 280 postazioni nei reparti di Terapia intensiva della regione. Il nuovi posti letto, per un totale di 16 milioni di euro, saranno realizzati in 13 presidi ospedalieri: 4 situati nell'area nord ovest (72 a Campo di Marte, 24 a Carrara, 27 a Massa e 22 a Pisa), 5 nell'area centrale (12 al Santa Maria Nuova di Firenze, 6 a Bagno a Ripoli, 14 al Palagi di Firenze, 6 a Prato, 6 a Pistoia e 34 a Careggi) e 4 nella sud est (8 a Grosseto, 24 ad Arezzo e 25 a Siena). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Piazza Attias | Carabinieri e Municipale aggrediti da una cinquantina di ragazzini con calci, bastoni e pietre

  • Tragedia in viale Boccaccio, volontario della Misericordia di Montenero muore a 73 anni dopo un incidente

  • Caos Livorno, tre croci e una testa di maiale sul campo dello stadio: "Pagherete tutto". Indagano i carabinieri

  • Piombino, violenta e deruba una 70enne sulla spiaggia: arrestato 35enne

  • Coronavirus, impennata di nuovi positivi: 176 tra Livorno e provincia, 1145 in Toscana. Il bollettino di giovedì 22 ottobre

  • Venezia, movida irresponsabile con assembramenti, fumogeni e risse: gli interventi delle forze dell'ordine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento