menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto Milanotoday.it

foto Milanotoday.it

Coronavirus, la Toscana rischia di diventare zona arancione. Giani: "Una settimana per migliorare gli indicatori"

Se i dati indicati dal ministero della salute non caleranno possibile il passaggio nell'area di media criticità con nuove restrizioni

+++TOSCANA ZONA ARANCIONE: RESTRIZIONI A PARTIRE DA MERCOLEDÌ 11 NOVEMBRE+++

"Abbiamo una settimana per migliorare i nostri indicatori, stiamo facendo tutto il lavoro possibile". Così il presidente della Toscana, Eugenio Giani, commenta, come riportato da FirenzeToday, il possibile passaggio della nostra regione dall'attuale zona gialla a quella arancione in base alle disposizioni del nuovo Dpcm approvato dal Governo. In questo caso scatterebbero nuove restrizioni come, ad esempio, il divieto di spostamenti tra regioni e la chiusura 7 giorni su 7 di bar e ristoranti. 

Tra gli indicatori presi in esame e indicati dal ministero della Salute ci sono quelli della diffusione del virus e la capacità ospedaliera, cioè i posti letto a disposizione per i malati Covid. Su quest'ultimo punto la Toscana si trova in difficoltà ed è per questo che il governatore, insieme all'assessore Bezzini, sta individuando nuove strutture da trasformare in ospedali dedicati ai pazienti affetti da Coronavirus in maniera da avere a disposizione circa 2mila posti letto in più. 

Possibile, tuttavia, che la Toscana resti in area gialla almeno fino al 13 novembre, quando arriveranno i nuovi dati settimanali. A quel punto spetterà al ministro Speranza emanare un'ordinanza apposita per l'eventuale passaggio dalla zona gialla ad arancione. 

Le misure restrittive nella zona arancione

Vietato circolare dalle 22 alle 5 del mattino salvo che per comprovati motivi di lavoro, salute e necessità. Saranno vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una regione all'altra e da un comune all'altro ad eccezione che si debba usufruire di servizi non disponibili nella propria città. Chiusi bar e ristoranti 7 giorni su 7, l'asporto sarà consentito fino alle 22 mentre per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni. Nei festivi e prefestivi è disposta la chiusura dei centri commerciali ad eccezione di farmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno. Per quanto riguarda la scuola, didattica a distanza per gli istituti superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità. La didattica in presenza sarà garantita per le scuole dell'infanzia, elementari e medie. Prevista la riduzione del 50% per la capienza dei mezzi del trasporto pubblico ad eccezione degli scuolabus. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ctt Nord, "Pensiero di Natale", premiate 120 classi livornesi. Foto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento