rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Portoferraio

Covid all'Elba, il direttore sanitario: "L'isola è piena e il virus ricomincia a circolare, necessaria più consapevolezza"

Intervista al dirigente Asl territoriale, Fabio Chetoni: "Vaccinato l'80% della popolazione anziana. L'unico modo per evitare il contagio è indossare la mascherina”

"Il virus ha ripreso a circolare. Sull'isola ci sono molte persone, con un transito continuo, e in generale la situazione inizia a destare un po' di preoccupazione". Attacca così il dirigente e direttore responsabile della zona Distretto Elba, Fabio Chetoni, intervistato da LivornoToday per fare un punto sullo stato della sanità locale, a partire dalle vaccinazioni. Perché se l'isola d'Elba si era data come obiettivo quello di essere un territorio Covid free, con una campagna di vaccinazione massiccia, ad oggi la situazione non è esattamente come ci si prospettava.

Dottore Chetoni, come procedono le vaccinazioni anti Covid?
"Abbiamo una programmazione continua. Ad oggi possiamo dire che per la popolazione residente siamo al 67% di copertura di prime vaccinazioni e 50% per le seconde. Domenica sono state eseguite circa mille seconde dosi, che per un territorio come questo è un numero molto alto. Sono stati i richiami della grande adesione avuta il 2 giugno, con l'apertura delle prenotazioni a tutte le fasce d'età. Per lo più adesso proseguiamo con le seconde dosi, al fine di immunizzare quante più persone possibili. Abbiamo raggiunto buoni numeri".

Quale vaccino state somministrando?
"Stiamo facendo Pfizer e tutti i richiami di Astrazeneca".

Tra variante Delta, contagiati e persone in quarantena qual è il quadro?
"Abbiamo una decina di persone contagiate e una trentina di contatti in quarantena e fino ad ora possiamo dire di aver sfiorato più volte la variante Delta, che è stata individuata per lo più su turisti che viaggiavano su private imbarcazioni, e lì alloggiavano. Il virus ha ripreso a circolare, inutile negarlo. Prima della partenza della stagione era un'Isola in sicurezza, ora non più visto che a fronte di 30-40mila residenti abbiamo circa 150mila persone che circolano. Possiamo però sottolineare che i residenti sono stati messi in sicurezza con le vaccinazioni, ed è fondamentale fare la seconda dose. Con entrambe le coperture si corre comunque il rischio di contrarre il virus ma in una forma influenzale, non grave o da ricovero, o almeno questo ci dicono i dati. Sulla popolazione anziana siamo a una copertura vaccinale dell'80%".

E la fascia di popolazione under 18?
"Con le somministrazioni è importante puntare alla fascia di età 12-18 anni, e la scorsa settimana sono partite le prenotazioni anche per queste età. È fondamentale in vista dell'apertura delle scuole a settembre".

A livello nazionale, seppur lievemente, i contagi aumentano di giorno in giorno. Consiglia di indossare comunque la mascherina all'aperto?
"La circolazione del Covid inizia a preoccupare di nuovo e sicuramente e breve ci potrebbero essere nuove restrizioni, ma un quadro più chiaro (in Toscana, ndr) potremmo averlo la settimana prossima. Diciamo che ci vorrebbe più consapevolezza da parte dei cittadini. I segnali non sono incoraggianti e la mascherina è l'unico modo per evitare il contagio, inutile girarci intorno".

Preoccupano i festeggiamenti della scorsa notte per la vittoria dell'Italia agli Europei?
"La verità è che le persone fanno festa tutti i giorni, non solo la scorsa notte".

Facendo un paragone con l'anno scorso, a livello sanitario come procede?
"Rispetto al 2020 abbiamo più proposta diagnostica. A livello generale riusciamo a rispondere molto meglio, siamo più preparati e organizzati ma manca la consapevolezza nelle persone. Ci sono turisti o residenti che vengono in ospedale chiedendo di fare un tampone perché vogliono andare in Corsica, quando noi li facciamo solo per verificare contagi o contatti".

Mancano medici sull'Isola?
"Mancano ovunque, non è una questione di Elba o meno. Ai concorsi partecipano la metà delle persone rispetto ai posti disponibili, ed è un problema che riguarda tutta l'area, oltre che l'intero distretto".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid all'Elba, il direttore sanitario: "L'isola è piena e il virus ricomincia a circolare, necessaria più consapevolezza"

LivornoToday è in caricamento