rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca

Covid, volontario livornese riabbraccia il primo paziente soccorso a Bergamo: "Per lui ci sarò sempre"

La storia di Samuele Raffaelli, 34 anni, che nel marzo 2020 insieme ad altri colleghi della Misericordia fu operativo in Lombardia

Un viaggio a distanza di due anni per andare a trovare e abbracciare quella persona che, a inizio pandemia, durante i drammatici giorni delle indimenticali immagini delle bare di Bergamo, insieme ad altri colleghi soccorritori della Misericordia di Livorno aveva trasportato all'ospedale perché contagiato dal Covid-19. È la storia di Samuele Raffaelli, livornese, 34 anni, che domenica scorsa, 20 febbraio, ha deciso di andare a salutare una persona speciale. Un uomo - Bruno Rocchetti il suo nome - con il quale in questi mesi aveva mantenuto contatti e che probabilmente, in lui, come negli altri colleghi, ha visto degli angeli che l'hanno aiutato a lottare e a sopravvivere alla malattia.

"Ore di attesa per un posto in ospedale, poi quel saluto senza sapere se mai sarebbe uscito"

A inizio 2020, infatti, nei terribili giorni del paziente zero di Codogno, delle zone rosse, dei lockdown e delle chiusure totali, Samuele e un altro collega della Misericordia Livorno, Alessandro, andarono a Bergamo con un mezzo della Confraternita per dare il loro aiuto e il loro sostegno alla causa lombarda. Volontari in prima linea, andando a raccogliere l'invito delle Misericordie. "Bruno Rocchetti, il mio amico - racconta Samuele - è la prima persona che ha richiesto il nostro soccorso nei primi intensi giorni di pandemia a Bergamo. Ricordo le prime parole appena entrammo in casa di sua moglie Claudia: riconobbero il nostro accento e soprattutto la nostra ambulanza. 'Ma siete venuti da Livorno?' ci chiese con area stupita. E io: 'Sì, signora'.

"Dopo un’attesa infinita - prosegue Samuele - riuscimmo a trovare un posto in ospedale. In quei giorni non era così facile come può sembrare. In quell’attesa piena di ansie per entrambi, ci siamo raccontati un po' delle nostre vite e proprio in quel momento abbiamo stretto un legame che manterrò per sempre. Non potrò mai scordare i suoi occhi appena uscì il personale sanitario a prenderlo per ricoverarlo. Tutti vestiti con i necessari dispositivi di protezione e lui... che si girò verso di me per salutarmi e ringraziandomi non sapendo se sarebbe mai uscito da quell’ospedale".

"Avevo promesso che sarei andato a trovarlo, per persone come lui ci saremo sempre"

A distanza di due anni Samuele è montato sulla sua moto ed è andato a trovare Bruno, con il quale aveva mantenuto contatti. La moglie di Bruno infatti aveva iniziato a cercare Samuele poco dopo perchè voleva ringraziarlo su Facebook, e dopo qualche mese ce l'ha fatta e gli ha richiesto l'amicizia. Samuele si è informato con la donna delle condizioni del marito, ma lei era riuscita a parlargli solo dopo un mese e mezzo di ricovero. "Siamo rimasti in contatto e chiedevo notizie su come stesse, poi ho saputo che Bruno ha comprato un camper dopo aver superato il Covid e ha deciso di girare e visitare l'italia. Tappa certa livorno - ha aggiunto - per poter conoscere anche gli altri volonatri che sono andati a turno in Lombardia a portare il loro aiuto". 

"Quando mi ha visto mi è venuto subito incontro. Il venerdì - ha spiegato - gli avevo telefonato per dirgli che la domenica sarei andato a trovarlo. Mi ha subito abbracciato e mi ha detto che verrà a Livorno per vedere la sede e conoscere gli altri volontari. Gli avevo promesso che sarei andato a trovarlo e quindi appena ho avuto il tempo sono andato in moto per vederlo. Sta benissimo - ha concluso -. Noi volontari della Misericordia non siamo persone straordinarie, ma siamo solo gente che aiuta altra gente, che riesce a vedere un po’ più in là del proprio naso e che nel tempo libero dona quel che può per aiutare chi nel momento del bisogno ci chiama. Io per le persone come Bruno ci sarò finché avrò vita".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, volontario livornese riabbraccia il primo paziente soccorso a Bergamo: "Per lui ci sarò sempre"

LivornoToday è in caricamento