rotate-mobile
Cronaca

Paxlovid, la pillola antiCovid arriva in Toscana. Giani: "Farmaco utile, ma non sostituisce il vaccino"

La prima tranche di 800 confezioni giungerà il 4 febbraio al centro di stoccaggio del Meyer di Firenze

Arriverà domani, venerdì 4 febbraio, al centro di stoccaggio Meyer la prima tranche di 800 confezioni monodose di Paxlovid, la pillola Pfizer anti-Covid da prendere a casa. Il nuovo antivirale sarà solo per le persone positive ad alto rischio di peggioramento della malattia. Dopo il via libera di Ema e di Aifa, il commissario straordinario per l'emergenza, il generale Paolo Francesco Figliuolo, ha siglato un contratto con la casa farmaceutica americana per la fornitura di 600mila trattamenti nel corso del 2022, che saranno progressivamente distribuiti alle regioni e alle province autonome a partire da domani.

Il nuovo antivirale, in grado di prevenire l'aggravarsi dei sintomi e il ricovero nel 90 per cento dei casi, non sarà a disposizione di tutte le persone contagiate, ma solo di quelle più a rischio di sviluppare sintomi gravi della malattia o di chi non può vaccinarsi per problemi di salute. La cura durerà cinque giorni e su prescrizione del medico.

Covid, arriva in Toscana la pillola Paxlovid. Giani: "Un'ottima notizia"

Giani, soddisfatto per l'importante novità, sottolinea come si debba continuare a insistere anche con la campagna vaccinale: "Il Paxlovid è un farmaco innovativo e utile, che non sostituisce però il vaccino, che rimane il principale strumento di prevenzione contro il virus. Sulla base dei test effettuati il vantaggio di questo medicinale è che può essere preso a casa, anche se non è per tutti i contagiati, riducendo in modo significativo il ricovero in ospedale. Anche in questo caso faremo la nostra parte senza comunque venire meno a quello che riteniamo di fondamentale importanza e prioritario come continuare a spingere sulla somministrazione di prime, seconde e terze dosi". 

"L'arrivo del nuovo farmaco amplia l'armamentario terapeutico a nostra disposizione, consentendoci di curare meglio i sintomi della malattia determinata dal virus  - spiega l'assessore regionale al diritto alla salute Simone Bezzini -. È una cura che può essere effettuata a domicilio, riducendo il rischio di ospedalizzazione e di mortalità soprattutto negli adulti più fragili. Seguiremo con la massima attenzione l'evolversi di questa preziosa opportunità che la scienza ci offre, fermo restando che il vaccino è l'arma più efficace, per proteggersi al meglio dal virus". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paxlovid, la pillola antiCovid arriva in Toscana. Giani: "Farmaco utile, ma non sostituisce il vaccino"

LivornoToday è in caricamento