rotate-mobile
Sabato, 1 Aprile 2023
Cronaca

Covid, cosa fare se si prende il virus in vacanza in Italia o all'estero: la guida completa

Dalla Grecia alla Spagna, dalla Francia agli Stati Uniti: ecco come comportarsi se si contrae il Coronavirus durante le ferie

I casi Covid, a causa della variante Omicron 5, sono in rialzo non solo in Italia ma anche nel resto d'Europa. Nessuno naturalmente spera di ammalarsi specialmente se si trova in vacanza. Ma cosa fare se si risulta positivi al Coronavirus mentre siamo in villeggiatura? Ecco quindi una rapida guida con come comportarsi a seconda del posto in cui ci si trova.  

Positivo al Covid in vacanza, come comportarsi e cosa fare

Italia

Obbligatorio l'isolamento finché non si torna negativi. Se si prende il Covid in viaggio, anche se a pochi chilometri da casa, si deve restare per 7 giorni almeno nella località in cui si è. Hotel o altre strutture ricettive sono a proprio carico. I compagni di viaggio, familiari o amici, se vaccinati possono muoversi indossando la mascherina di tipo Ffp2.

Francia

Per entrare, tutti i viaggiatori maggiori di 12 anni devono presentare:

  • il certificato di completa vaccinazione;
  • il certificato di guarigione (risultato positivo di un test molecolare o antigenico emesso da più di 11 giorni e non oltre 6 mesi. Tale certificato sarà valido per una durata di 6 mesi dalla data di realizzazione del test);
  • l'esito negativo di un test effettuato meno di 72 ore o antigenico effettuato meno di 48 ore prima della partenza (imbarco nel caso di un vettore, oppure passaggio della frontiera terrestre).

Se si contrae il Covid, è obbligatorio l'isolamento per 7 giorni che diventano 5 senza sintomi e con un test negativo) e la sistemazione, in casa o hotel, è a carico del turista. 

Regno Unito

Nel Regno Unito le autorità sanitarie raccomandano soltanto di rimanere a casa e di evitare contatti stretti con persone fragili per 5 giorni e portare la mascherina. I positivi possono però circolare liberamente. 

Grecia

Isolamento obbligatorio almeno per cinque giorni, a partire da quello successivo alla diagnosi, per chi si scopre positivo in Grecia. Anche in questo caso, i costi sono a carico del turista. L'ambasciata suggerisce di compilare sempre il modulo Passenger locator form necessario per ottenere il certificato di tampone negativo e poter ripartire.

Spagna

Ai positivi è solo raccomandato di evitare le interazioni sociali e usare la mascherina. Qualsiasi pronto soccorso o presidio medico pubblico è anche a disposizione dei turisti.

America

Senza vaccino negli Stati Uniti non si entra, tranne che per i minorenni. Gli Usa hanno tolto l'obbligo di test negativo 48 ore prima dell'arrivo ma oltre all'Esta (il visto di ingresso) serve il certificato di vaccinazione. Ed è assolutamente consigliato partire con un'assicurazione. Se ci si ammala negli States sono obbligatori cinque giorni di isolamento (a proprie spese)e l'assistenza sanitaria è a pagamento. Non si può tornare in Italia senza essere guariti.

Per tutti gli altri dettagli, invitiamo a consultare il sito ViaggiareSicuri e verificare eventuali aggiornamenti. Sul sito web dell'Unione europea  https://reopen.europa.eu   è possibile trovare informazioni su ciascun paese su confini, mezzi di trasporto disponibili, restrizioni di viaggio, misure di salute e sicurezza pubblica, nonché altre informazioni pratiche. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, cosa fare se si prende il virus in vacanza in Italia o all'estero: la guida completa

LivornoToday è in caricamento