rotate-mobile
Cronaca Limoncino / Via del Limoncino

Limoncino, camion carichi di rifiuti raggiungono la discarica: caos in strada, sale la tensione

Nella notte il passaggio dei mezzi diretti a Monte La Poggia scatena la protesta dei frontisti che richiedono l'intervento delle forze dell'ordine. Poi il braccio di ferro con i gestori del sito di smaltimento rifiuti

Avevano deciso di abbandonare il presidio per riprendere le forze, stremati da un monitoraggio h24 che andava ormai avanti dai primi di marzo. Puntualmente, però, i residenti di via del Limoncino e i membri del Comitato No Discarica hanno dovuto fare i conti con il ritorno dei camion carichi di rifiuti. Che, nella notte tra ieri e oggi 11 maggio, approfittando della strada libera, hanno raggiunto la discarica di Monte La Poggia. Cinque passaggi ravvicinati per cui è stato richiesto l'intervento delle forze dell'ordine e in conseguenza dei quali è tornata a salire la tensione.

Limoncino, in discarica anche i rifiuti organici. Salvetti: "Quadro cambiato, ecco i nostri dubbi"

Perché al mattino, lasciati andare via i mezzi pesanti senza alcun ostacolo, la strada è risultata comunque inaccessibile: a bloccare il passaggio, questa volta ai residenti e non ai camion, sarebbe stata un'auto abbandonata in sosta da uno dei gestori della discarica, almeno secondo quanto dichiarato dai frontisti, sul lato opposto a quelle parcheggiate, ma non incustodite, dagli attivisti. Un braccio di ferro al quale neppure i carabinieri sarebbero riusciti a porre rimedio e che ha spinto i membri del Comitato a riunirsi in assemblea per decidere quali eventuali azioni intraprendere a difesa della strada e, dicono, dell'incolumità dei residenti.

Limoncino, il question time in consiglio comunale

Della situazione è stato subito informato anche il sindaco, mentre la capogruppo del M5s Stella Sorgente ha presentato un question time chiedendo di "conoscere lo stato di attuazione delle due mozioni votate all'unanimità in consiglio comunale. In particolare vogliamo sapere se sia stata svolta un'istruttoria per addivenire ad eventuali provvedimenti contingibili e urgenti da parte del sindaco. Questo perché la situazione di stamani sembra piuttosto tesa".

"Ribadisco che secondo me - la risposta del sindaco - le parti, essendoci una sentenza, devono prendere delle posizioni immediate attraverso i propri legali anche con l'esecuzione forzata della sentenza. È fondamentale per dirimere una controversia con quelle caratteristiche. Relativamente invece agli atti votati, il 27 aprile abbiamo avuto un rapporto da parte della polizia locale che ricostruisce complessivamente la vicenda e che in conclusione 'non evidenzia pericoli per la pubblica comunità ma eventualmente per i residenti da evitare con appositi accordi, strumenti e dispositivi che gli interessati possono concordare per disciplinare la viabilità'".

Discarica Limoncino, il coordinamento Rifiuti-Zero: "Basta caos, la procura apra un'inchiesta"

"Questa amministrazione - ha quindi concluso il sindaco - ha chiesto comunque una nuova convocazione della conferenza dei servizi nella quale ci aspettiamo di avere indicazioni sulle perplessità che abbiamo evidenziato con una istruttoria nella prima convocazione". "Forse - la replica finale di Sorgente - sarebbe necessario non solo il parere della polizia municipale ma anche dell'avvocatura civica e di altri uffici competenti. Mi sembra però che su questo tema la situazione sia in fase di stallo e questo ci preoccupa notevolmente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Limoncino, camion carichi di rifiuti raggiungono la discarica: caos in strada, sale la tensione

LivornoToday è in caricamento