Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca Porto Azzurro

Porto Azzurro, detenuto di rientro da un permesso 'premio' ingerisce droga per portarla in cella

L'uomo, di origini italiane, è stato intercettato dal personale della polizia penitenziaria

Un detenuto di origini italiane, di rientro al carcere di Porto Azzurro dopo aver ottenuto un permesso 'premio', è stato intercettato a causa del suo atteggiamento insolito dal personale della polizia penitenziaria all'ingresso della casa circondariale. L'uomo infatti, secondo quanto raccontato dal sindacato Uilpa, aveva ingerito della droga da portare all'interno della struttura. Gli agenti, vedendolo frettoloso di varcare il cancello, hanno intuito che ci fosse qualcosa di strano. Così hanno condotto l'uomo al presidio sanitario, dove è stato scoperto come nel suo corpo vi fossero presenti involucri a forma tondeggiante. Programmata l'estrazione, è stato confermato che si trattasse di sostanza stupefacente.

"Non danno cenno di tregua i compimenti degli stratagemmi per penetrare i sistemi di sicurezza delle carceri e introdurvi oggetti e materiali non consentiti, dai micro cellulari alle sostanze narcotiche, mediante corrispondenza postale o attraverso i cancelli, come nel caso di specie. Spesso – spiega la segreteria Provinciale Uilpa Polizia penitenziaria di Livorno - il mal funzionamento dei sistemi di videosorveglianza, la mancanza di apparati di rilevamento elettronico e in molti casi la carenza di personale, rendono vulnerabili le strutture penitenziarie". Un tentativo che, in questo caso, è stato reso vano dalla scaltrezza degli agenti di polizia penitenziaria.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto Azzurro, detenuto di rientro da un permesso 'premio' ingerisce droga per portarla in cella
LivornoToday è in caricamento