Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Effetto Venezia 2020, Salvetti: "Bilancio positivo, i livornesi hanno dato il meglio di sé"

Piena soddisfazione tra gli organizzatori: "Vogliamo riproporre la dislocazione degli eventi e la prenotazione obbligatoria agli spettacoli"

"Sono visibilmente soddisfatto". Con un sorriso inequivocabile, il primo cittadino Luca Salvetti, a poche ora dalla conclusione, commenta la trentacinquesima edizione di Effetto Venezia, terminata lunedì sera con il concerto dei Gary Baldi Bros in programma sabato 29 agosto e annullato per allerta meteo. "Ci hanno fatto i complimenti per il coraggio - prosegue - ma non è stato coraggio. La scelta di fare la manifestazione è stata dettata dalla consapevolezza delle capacità della macchina amministrativa e dalla fiducia nei confronti dei livornesi che hanno risposto in maniera impeccabile. Le difficoltà sulla carte c'erano ma abbiamo fatto di necessità, virtù".

La necessità era quella di non rinunciare alla kermesse che più di tutte le altre rappresenta e identifica la città, dando la possibilità a commercianti e artisti di ricominciare a lavorare a pieno ritmo. E per farlo è stata stravolta l'organizzazione di Effetto Venezia con la dislocazione dei palchi su più piazze e la prenotazione obbligatoria agli spettacoli. Elementi importanti che, sottolinea l'assessore al commercio Rocco Garufo, "potrebbero essere riproposti in altre grandi manifestazioni cittadine". "L'ampliamento della festa ad altre piazze cittadine l'ha resa più godibile e meno caotica - dichiara inoltre Salvetti -. Un altro aspetto virtuoso è stata la collaborazione delle tante realtà locali, circa 45, che hanno lavorato in sinergia dando ancora una volta il messaggio che Livorno nell'emergenza è in grado di reagire e dare il meglio di sé".

Effetto Venezia, i numeri. Salvetti: "Valorizzata piazza del Luogo Pio"

presentazione effetto venezia (4)-2

I numeri confermano la soddisfazione degli organizzatori. Le prenotazioni sono state circa 13mila, le interazioni social parlano di 130mila contatti e oltre 47mila visite al sito internet dedicato alla kermesse. "Sono felice dell'aumento del 65% del tempo medio passato sul sito - sottolinea il sindaco - perché racconta di una scelta fatta con consapevolezza da parte degli utenti che hanno deciso che spettacoli seguire e, prenotando il posto, hanno avuto una migliore fruizione".

Su piazza del Luogo Pio, il primo cittadino non ha dubbi: "È stata finalmente valorizzata e adesso è un salotto buono della città, non più assaltata da migliaia di spettatori. Stesso discorso per piazza della Repubblica che ha un potenziale che non possiamo più ignorare, e le piazze più piccole, come XX Settembre e Garibaldi". 

Bilancio Effetto Venezia, Ricci: "Una formula da tenere e riproporre anche in epoca post covid"

presentazione effetto venezia (2)-2

La distribuzione capillare dei palchi non ha avuto però solo lo scopo di evitare assembramenti ma, come sostiene la direttrice artistica Francesca Ricci "è stata finalizzata soprattutto a valorizzare e fare vivere anche le realtà intorno al quartiere della Venezia che ha avuto un impatto più contenuto e, di conseguenza, più gestibile. Anche la prenotazione obbligatoria ai tanti eventi ci ha dato modo di organizzare il tutto in maniera più ordinata: questa formula andrebbe tenuta in considerazione anche in era post covid".

Lenzi: "I livornesi danno il meglio nelle situazioni d'emergenza"

presentazione effetto venezia (1)-2

"Livorno sta facendo un salto di mentalità - sottolinea l'assessore alla Cultura Simone Lenzi - e sta comprendendo che unire le forze può far superare i propri limiti. Non abbiamo vinto una scommessa, ma semplicemente messo in campo una serie di scelte fatte con razionalità utilizzando al meglio le energie della città che, ormai è noto, nelle situazioni di emergenza riescono a dare il meglio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Effetto Venezia 2020, Salvetti: "Bilancio positivo, i livornesi hanno dato il meglio di sé"

LivornoToday è in caricamento