Cronaca

Emergenza carceri, il sindacato Uilpa: "Mille agenti assunti? Ne servirebbero almeno 24mila"

Il segretario generale De Fazio: "Nuovi padiglioni e istituti minorili: il decreto legge approvato dal governo non va bene"

Il sempre più alto numero di suicidi all'interno delle carceri unito alle pessime condizioni di alcuni istituti hanno spinto il governo ad approvare un decreto legge definito dal ministro della Giustizia, Carlo Nordio, "vasto e strutturale" e che affronta "in modo organico un altro settore del sistema dell'esecuzione penale. Questo intervento è frutto di una visione del governo Meloni, condivisa dai nostri sottosegretari, che sul punto di vista della giustizia è orientata essenzialmente su quello che potremmo chiamare umanizzazione carceraria". Tra i punti principali del DL c'è l'assunzione di mille agenti per far fronte alla carenza di organico denunciata più volte dagli addetti ai lavori. E proprio su quest'ultimo aspetto si è soffermato l'Uilpa polizia penitenziaria: "Queste extra-assunzioni - sottolinea il segretario generale Gennarino De Fazio - sono insignificanti a fronte di un fabbisogno che ammonta a oltre 18mila agenti. A tutto questo si deve aggiungere l'apertura di nuovi padiglioni in tutta Italia che aumenteranno la capienza detentiva per di 3.940 posti, cui bisogna aggiungere ben tre nuovi istituti penali per minorenni, a Lecce, Santa Maria Capua Vetere e Rovigo". 

"Stando all'attuale rapporto capienza detentiva/agenti che è di 1,75, per 3.940 posti aggiuntivi le necessità organiche aumenteranno di ben 6.895 agenti, cui bisognerà aggiungere almeno 200 ulteriori unità per i tre istituti per minorenni. Al netto delle mille assunzioni mancheranno, se tutto va bene, non meno di 6.095 operatori che, sommati ai 18mila già mancanti, porteranno le carenze nel Corpo a 24mila posizioni mancanti". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza carceri, il sindacato Uilpa: "Mille agenti assunti? Ne servirebbero almeno 24mila"
LivornoToday è in caricamento