menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stagione fredda, il Comune aumenta i posti letto per le persone senza dimora

Sono stati installati alcuni moduli abitativi all'esterno del dormitorio comunale che potranno ospitare 12 persone in più rispetto a ora. Gli ospiti verranno sottoposti a tamponi antigenici

Aumentano i posti letto per le persone senza dimora per la stagione fredda. Il Comune di Livorno, infatti, ha installato all'esterno del dormitorio comunale alcuni moduli abitativi per ampliare la capacità di accoglienza del Sefa (Safe Emergency First Aid). L'intervento, realizzato insieme al soggetto che ha in affidamento il servizio, vuole offrire una risposta strutturale al fisiologico aumento delle richieste di accoglienza che si registra ogni anno con l'abbassamento delle temperature.

Raspanti: "L'inverno non è uno stato d'emergenza, abbiamo dato una risposta stabile alle tante persone che vivono in strada"

"Ogni anno parliamo impropriamente di emergenza per un fenomeno climatico ricorrente: l'inverno - dichiara l'assessore al Sociale Andrea Raspanti-. Abbiamo quindi operato in stretta sinergia con le cooperative che gestiscono il dormitorio per trovare una soluzione strutturale che ci dia garanzia di una risposta stabile e più forte alla situazione delle tante persone che vivono in strada e che devono essere soccorse".

Sono in tutto 12 i posti letto supplementari attivati, con la possibilità, in caso ce ne fosse bisogno, di integrare ulteriormente la dotazione in via emergenziale grazie al supporto di alcune realtà del terzo settore. "Le unità di strada del Comune monitorano la situazione in stretto raccordo con le associazioni che quotidianamente operano accanto alle persone senza dimora. Il Sefa fa da centrale di coordinamento degli interventi, mettendo a disposizioni coperte e generi di confronto qualora le associazioni se ne trovino eventualmente sprovviste".

"Grazie alle associazioni che collaborano col comune per dare aiuto e conforto alle persone in difficoltà"

 "Voglio ringraziare la cooperativa il Simbolo e la cooperativa Arnera per la grande dedizione con cui gestiscono i servizi del Sefa, ma anche tutte le associazioni che ogni giorno sono in strada per aiutare le persone più gravemente emarginate offrendo loro aiuto materiale e conforto in un clima di grande collaborazione e disponibilità nei confronti dell'amministrazione comunale. Infine ringrazio la Provincia di Livorno, proprietaria delle aree su cui sono stati installati i moduli temporanei, per aver aderito da subito alla richiesta del Comune".

Tamponi antigenici  per chi accederà ai posti letto. "Garantita la sicurezza dei servizi d'accoglienza"

L'amministrazione procederà anche alla distribuzione di 1000 mascherine chirurgiche tramite la Protezione Civile e, nei prossimi giorni, attraverso il Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta, effettuerà anche una campagna di screening rivolta alle persone senza dimora del territorio che accedono ai servizi del dormitorio somministrando tamponi antigenici rapidi: "Vogliamo - sottolinea Raspanti- garantire la sicurezza dei servizi di accoglienza e promuovere la tutela della salute anche delle persone più svantaggiate"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Psichiatria Livorno, la denuncia dell'ex direttore: "Pazienti legati ai letti, ormai è una procedura standard da quando c'è il Covid "

Attualità

Maltempo, tromba marina davanti alla Terrazza Mascagni: le foto

Giardino

Bonus verde 2021: come ottenere le detrazioni fiscali

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento