Stagione balneare nella fase 2, la Regione rassicura gli operatori in vista dell'estate: "Presto le direttive nazionali"

L'assessore Ciuoffo: "In programma tre riunioni su riaperture e gestione delle spiagge". I sindaci del G20s al Governo: "Servono aiuti per Comuni, lavoratori e imprese"

(Foto Costa degli Etruschi)

L'assessore regionale al Turismo Stefano Ciuoffo ha voluto fare il punto sulla situazione riguardante l'apertura degli stabilimenti balneare in vista della prossima estate dopo essere stato chiamato in causa sia dal primo cittadino di Livorno Luca Salvetti che dai sindaci del G20s Spiagge italiane, la rete nazionali delle destinazioni balneari di cui fa parte, tra gli altri, anche il comune di San Vincenzo. "Presto arriveranno le direttive nazionali" ha dichiarato l'assessore che ha anche annunciato una serie di riunioni, a partire da lunedì 11 maggio, sui principali temi riguardanti le riaperture e gestione delle spiagge. I sindaci del G20s, nel corso di una videoconferenza con il sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta, hanno anche chiesto aiuti ai lavoratori, imprese e Comuni. 

Il sindaco di Livorno agli stabilimenti balneari: "La stagione è garantita"

Estate 2020, la Regione sulla prossima stagione: "In programma tre riunioni sui temi più caldi"

L'assessore Ciuoffo ha provato ha rassicurare i tanti Comuni della costa che, in questo periodo, stanno chiedendo informazioni riguardante l'apertura degli stabilimenti balneari: "Presto arriveranno i protocolli nazionali - le sue parole -. Inoltre abbiamo fissato, per lunedì, tre riunioni tecniche su promozione, linee guida per i luoghi di lavoro in ambito turistico e specifici prodotti turistici. Sono stati invitati tutti i soggetti interessati e coinvolti nella ripartenza condivisa ovvero Comuni, rappresentanti del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, operatori economici e sindacati. Nei giorni seguenti - ha concluso Ciuoffo -, sarà poi convocato un tavolo, con il coordinamento di Anci e con le associazioni di settore, in cui tratteremo nel dettaglio i temi del rilancio degli stabilimenti balneari". 

La preoccupazione degli stabilimenti balneari: "Attendiamo le direttive"

I sindaci del G20s al Governo: "Ecco le nostre condizioni per andare avanti"

Nel confronto avuto con Baretta, i temi urgenti posti sul tavolo di discussione sono stati illustrati dal sindaci di Castiglione della Pescaia e San Michele al Tagliamento, Giancarlo Farnetani e Pasqualino Codognotto, e riguardavano: rimodulazione del fondo di solidarietà, interventi a sostegno di imprese e lavoratori della filiera turistica (Cig, Naspi) e dei bilanci comunali. "È indispensabile che siano riviste le modalità di prelievo del Fondo di solidarietà per i comuni balneari - hanno sottolineato i sindaci -, se non addirittura sospese, per permettere di salvare il comparto turistico. Se permanesse l'attuale normativa, si metterebbero a rischio centinaia di migliaia di posti di lavoro non solo in loco ma anche in aziende che, pur avendo sede in altri comuni, beneficiano proprio delle presenze turistiche per il consumo e l'utilizzo dei loro prodotti". 

L'assessore Garufo: "Sarà impossibile controllare tutto il Romito"

"Chiediamo la sospensione dei canoni demaniali fino al 2021"

"L'economia dei Comuni balneari - continuano i sindaci del G20s- deriva dall'accessibilità del litorale e dai servizi che su questo vengono resi ai turisti. Per attrezzare le spiagge per il 2020 gli stabilimenti balneari dovranno già far fronte alle spese straordinarie derivanti dalle mareggiate di novembre 2019. L'emergenza epidemiologica attuale fa sì, inoltre, che pochissimi siano i posti spiaggia prenotati per i futuri mesi. Serve esonerare gli stabilimenti balneari per gli anni 2020 e 2021 dalla corresponsione dei canoni demaniali ad eccezione dei Comuni per i quali risulta in vigore una normativa speciale. Sull'Imu la richiesta avanzata è quella di riduzione o rimodulazione del prelievo fiscale, mentre per la Tari si richiede l'intervento per la rimodulazione del calcolo della tariffa in considerazione della stante emergenza e dell'impossibilità di adeguarla al 2019". 

Il sottosegretario Pierpaolo Baretta-2

Baretta: "Al lavoro per garantire la mobilità dei turisti"

Il sottosegretario ha confermato che le richieste troveranno spazio all’interno del prossimo decreto ‘maggio’ tre miliardi sono già stati stanziati per i comuni e si sta lavorando per predisporne altri 10 che dovrebbero consentire un avvio di liquidità per i prossimi mesi. Per i lavoratori ci sarà la proroga di altre 9 settimane di Cig, un prolungamento della Naspi e per coloro che non possono beneficiare di Cig e Naspi, è allo studio un eventuale ‘reddito d’emergenza’. A livello europeo si sta lavorando per definire dei ‘corridoi’ che consentano la mobilità delle persone - e quindi anche dei turisti - con il coinvolgimento di tutti i paesi, scongiurando ‘cartelli’ che si potrebbero creare tra paesi contigui. Per le famiglie che vogliono trascorrere le vacanze nelle destinazioni italiane è allo studio un ‘bonus vacanza’ che ha la funzione di sostenere il sistema turistico italiano e immettere liquidità nel sistema economico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio ghiaccio e temperature sotto zero: a Livorno è allerta meteo per martedì 12 gennaio

  • Coronavirus, l'annuncio di Giani: "La Toscana resta in zona gialla". Novità sugli spostamenti tra regioni, musei e asporto

  • Calciomercato Livorno: acquisti, cessioni e trattative. Gli aggiornamenti della sessione invernale

  • Coronavirus: 79 positivi tra Livorno e provincia, 379 in Toscana. Il bollettino di lunedì 11 gennaio

  • Allerta meteo a Livorno, codice giallo per rischio neve e ghiaccio nella notte tra sabato e domenica 17 gennaio

  • Livorno in crisi, Dal Canto si sfoga: "L'unico obiettivo è evitare l'ultimo posto. Mercato? Non viene niente"

Torna su
LivornoToday è in caricamento