Fase 2, il Comune di Cecina sospende la tassa di soggiorno per il 2020

La decisione della giunta comunale per salvaguardare il settore del turismo: "La stagione estiva resta ancora un'incognita"

"Vogliamo tutelare il settore turistico". Così il vicesindaco di Cecina, Antonio Giuseppe Costantino, ha giustificato la decisione presa dalla giunta comunale di sospendere, per tutto il 2020, l'applicazione della tassa di soggiorno alle strutture ricettive del territorio. Il regolamento dell’anno passato prevedeva infatti che si applicasse a partire dal 1 maggio. È stato anche deciso di non applicare la misura che prevedeva la possibilità per il privato gestore di immobili per affitti turistici di pagare una cifra forfettaria di 100 euro per l’intero periodo. 

"Purtroppo la stagione estiva resta al momento un'incognita – sottolinea il vicesindaco Costantino -. Stiamo lavorando insieme agli operatori ad una serie di misure per valorizzare e tutelare il settore turistico e il suo indotto ma abbiamo ritenuto necessario sospendere il pagamento dell’imposta di soggiorno e rinviare ogni valutazione a quando sarà definito il quadro nazionale anche per quanto riguarda la possibilità di spostarsi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saturimetro, come funziona e quali sono i migliori modelli

  • Caos Livorno, società latitante: dei soldi nessuna traccia e i giocatori se ne vanno

  • Coronavirus: 169 positivi tra Livorno e provincia, 2.508 in Toscana, ma crolla la percentuale rispetto ai tamponi. Il bollettino di mercoledì 18 novembre

  • Livorno, il presidente Heller: "Pagamenti in regola grazie a Carrano ed Aimo. Navarra, Ferretti e Spinelli? Non pervenuti"

  • Serie C, Grosseto-Livorno 1-0: Sicurella beffa gli amaranto nel recupero

  • Coronavirus: 95 nuovi positivi a Livorno, 2.361 in Toscana, in calo le terapie intensive. Il bollettino di martedì 17 novembre

Torna su
LivornoToday è in caricamento