menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fase 2, i presidenti delle Ato toscane: "Difficoltà nel pagamento della Tari, servono fondi regionali e statali"

A Livorno, in attesa del decreto "Cura Comuni", è stato deciso che la prima rata della tassa sui rifiuti potrà essere saldata a settembre. Dal 1 maggio verrà abolita la tassa di soggiorno

Le gravi criticità nella riscossione della Tassa sui rifiuti (Tari), unica fonte di entrata per il finanziamento dei costi di raccolta e smaltimento dei rifiuti, ha spinto i presidenti delle tre Ato toscane Luca Salvetti (Costa), Cecilia Del Re (Centro), Alessandra Biondi e Alessandro Ghinelli (Sud) a scrivere al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al presidente della regione Toscana Enrico Rossi e al presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni per richiedere un fondo con risorse statali e regionali (clicca qui per leggere l'intera proposta di legge). "Gli oneri per il pagamento della Tari – si legge nella nota inviata - generano su molti contribuenti un carico tributario oggettivamente non sopportabile in questa fase, soprattutto nei confronti delle utenze di numerose categorie produttive gravemente penalizzate dalle conseguenze dirette e indirette della pandemia e del lockdown".

Cecina, annullata per il 2020 la tassa di soggiorno

"Azzeramento della Tari nei casi più gravi"

Entrando nel dettaglio della richiesta, le Ato toscane chiedono un fondo con risorse dello Stato tratte dalla fiscalità generale e della Regione Toscana tratte dai proventi dell’ecotassa, da destinare alla copertura dei deficit di gettito della Tari (o della Tarip) derivante dalla riduzione delle tariffe per l’anno 2020 a carico di numerose categorie produttive, fino all’azzeramento nei casi più gravi tra cui le imprese della filiera turistica. Inoltre, l’istituzione di uno speciale plafond creditizio a "tasso zero" alla Cassa depositi e prestiti per finanziare i gestori dei servizi e degli garantendo a questi ultimi ampie dilazioni di pagamento per coprire il fabbisogno di liquidità generato dallo slittamento dei termini di pagamento della Tari nei confronti delle utenze domestiche e non domestiche.  

aamps pap raccolta porta a porta-2 

Livorno, il pagamento della prima tassa della Tari slitta a settembre

Intanto il comune di Livorno, come comunicato nel pomeriggio del 28 aprile, ha deciso un nuovo sistema di pagamento della tassa sui rifiuti, con lo spostamento a settembre della scadenza della prima rata. Inoltre è stato creato un gruppo di lavoro per individuare nuove soluzioni per far ripartire il lavoro di bar e ristoranti. Tutte queste misure rientrano nel rilancio economico della città, fortemente provata dalle restrizioni per il contenimento del coronavirus. "L'impegno dell'amministrazione - sottolinea l'assessore al Bilancio Viola Ferroni - è costante nell'attesa del decreto "Cura Comuni" che verosimilmente fornirà agli enti, così come richiesto a gran voce dagli stessi, strumenti normativi e risorse per far fronte alle numerose esigenze che si sono manifestate in questo periodo di emergenza". 

viola ferroni bilancio 1 (1)-2

I principali interventi della giunta di Livorno:

  • Verrà introdotto un nuovo sistema di pagamento della tassa sui rifiuti, sfruttando l'occasione offerta dal decreto "Cura Italia" che consente di confermare la tariffa 2019, e di andare a conguaglio nelle annualità 2021, 2022 e 2023.
  • È stato spostato a settembre il pagamento della prima rata, ed è stata presa la decisione di applicare una riduzione per la parte variabile della tariffa, proporzionata alla durata del periodo in cui un'attività è stata chiusa a causa delle restrizioni covid-19.
  • Sono sospesi fino a settembre i pagamenti dei canoni patrimoniali per tutti quei beni di proprietà comunale, la cui gestione è affidata a soggetti che hanno subito il lockdown, relativamente al periodo di chiusura.
  • È stato istituito un gruppo di lavoro intersettoriale fra Tributi, Mobilità e Commercio, per individuare la soluzione tecnica che consenta ai locali, bar e ristoranti di ampliare il suolo pubblico all'aperto, in modo da consentire il distanziamento sociale previsto nella Fase 2 del Governo.
  • La Giunta ha infine dato l'input agli uffici di predisporre gli atti per abolire l'imposta di soggiorno dal primo maggio al 31 dicembre 2020. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento