menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fase 2 Livorno, commercianti e sindaco scrivono a Rossi e al ministro Gualtieri: chiesto l'anno fiscale bianco

Per soddisfare la richiesta sarà necessario un intervento finanziario da parte del governo. Salvetti: "Nel bilancio comunale non ci sono risorse per annullare tutte le tasse"

Una lettera, firmata da commercianti e dal sindaco Luca Salvetti, inviata al presidente della Regione Enrico Rossi e al ministro dell'Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri nella quale si chiede l'anno fiscale bianco, ovvero l'azzeramento delle tasse comunali per il 2020. Questo il risultato a cui sono giunti il primo cittadino, supportato dagli assessori Viola Ferroni (Bilancio), Rocco Garufo (Commercio) e Gianfranco Simoncini (Lavoro), e i rappresentanti di ristoratori, commercianti, baristi, parrucchieri, tatuatori, estetisti, partite Iva che, nella mattina di lunedì 4 maggio, hanno simbolicamente consegnato le chiavi dei propri locali al sindaco. "Non possiamo più andare avanti così" è stato il coro unanime dei lavoratori i quali, a causa dell'ultimo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm), non possono riaprire le loro attività. 

Protesta dei commercianti, Salvetti: "Nei bilanci comunali non ci sono risorse per annullare tutte le tasse"

La richiesta inviata a Regione e governo dovrà avere il supporto economico dello Stato. È lo stesso sindaco a spiegare il perché: "Nei bilanci comunali non ci sono abbastanza risorse per annullare tutte le tasse. Inoltre non devo essere io ad aprire anticipatamente i negozi rispetto al Dpcm. Come amministrazione comunale abbiamo pensato e presentato nei giorni scorsi tutte le misure economiche del Comune per uscire dall'emergenza Coronavirus, una manovra finanziaria straordinaria per sostenere chi è stato particolarmente colpito da questa situazione. Al momento non è possibile fare di più perché non possiamo chiudere un bilancio in negativo. Ed è così per tutti i comuni d'Italia. Chi ha promesso aperture e annullamento di tutta la tassazione comunale ha fatto un'operazione di marketing, non il bene della propria città".

"Chiaramente - conclude Salvetti - se il Governo garantirà i 3 miliardi promessi ai comuni, e Livorno potrebbe ricevere risorse importanti, l'anno bianco lo firmiamo insieme, io e tutti voi presenti qui oggi. Per quanto riguarda le aperture anticipate sono convinto che alcuni negozi potrebbero farlo, ma per altri mancano ancora i protocolli di sicurezza. Anche in questo caso però il sindaco di una città non può intervenire perché sarebbe un atto illegittimo, però può chiedere che questo venga preso in considerazione e valutato". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento