menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fase 2 Livorno, i commercianti portano le chiavi delle loro attività al sindaco: "Non possiamo più andare avanti"

Oltre 200 lavoratori hanno manifestato e protestato fin sotto palazzo civico. Il sindaco: "Capisco le vostre esigenze, ma la data della riapertura può deciderla solo il premier Conte con un apposito Dpcm"

Si sono dati appuntamento alle 10.30 in piazza della Repubblica e da lì hanno marciato fin sotto al Comune dove hanno consegnato le chiavi delle loro attività al sindaco chiedendo a gran voce una sola cosa: "Fateci lavorare". Protagonista di questa protesta, avvenuta in molte città d'Italia, è il cosiddetto "popolo delle partite Iva", ovvero tutti quei lavoratori che, in base al nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri, non possono ancora riprendere a lavorare. Tra loro parrucchieri, estetisti, negozianti, tatuatori, titolari di bar, ristoranti e negozi di abbigliamento.

In totale sono stati circa 200 i manifestanti che hanno voluto far sentire la propria voce e che attendono indicazioni su come e soprattutto quando poter riaprire. Il sindaco Luca Salvetti ha atteso i commercianti fuori dal Comune e, dopo aver spiegato come l'amministrazione si muoverà, è salito nel suo ufficio con una delegazione per fare il punto della situazione. Al termine del vertice è stata redatta una lettera, firmata da sindaco e commercianti, inviata al presidente della Regione e al ministero dell'Economia e Finanze, in cui viene chiesto l'anno fiscale bianco, ovvero l'azzeramento di tutte le tasse comunali per il 2020. 

Fase 2, la rabbia di parrucchieri ed estetiste: "Abbandonati dallo Stato"

Livorno, la protesta dei commercianti: "Rischiamo di chiudere tutti"

Il coro è unanime: senza una riapertura immediata molte attività saranno costrette ad abbassare la saracinesca. "Non ce la facciamo più ad andare avanti - commenta Marco Raddi de "Il mercante di stock" -. Siamo alla frutta e se aspettiamo il 18 maggio molti di non non riapriranno più. Non è possibile vedere negozi di alimentari o supermercati dove entrano molte persone e noi che ne faremo entrare al massimo 2 o 3 alla volta dobbiamo restare chiusi". Parole alle quali fanno eco quelle di Maria Luisa Spada, parrucchiera: "Chiediamo che vengano rispettati i nostri diritti, non vogliamo forzare riapertura: abbiamo bisogno di un supporto economico e che ai nostro collaboratori vengano dati i soldi della cassa integrazione. Inoltre, al momento, non abbiamo un protocollo che ci dica come aprire ma soprattutto quando. Così non si può andare avanti". 

Piombino, flash mob di protesta di parrucchieri, estetisti e tatuatori

Il sindaco: "La decisione sulle riaperture non spetta a me"

Il primo cittadino ha atteso l'arrivo dei manifestanti e poi ha provato a spiegare loro la situazione: "La data sulla riapertura non la posso decidere io, ma l'unico che può stabilirla è il presidente Conte con un apposito Dpcm. Io quello che posso fare è raccogliere le vostre chiavi e prendere in carico quelle che sono le vostre richieste. Tutte le risorse che avremo a disposizione grazie al nuovo bilancio verranno svincolate per aiutare le persone che hanno subito le maggiori ripercussioni in questa emergenza e voi siete i primi ad aver sofferto". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Festival di Sanremo, Ibrahimovic in ritardo alla terza serata: "Bloccato in autostrada, accompagnato da un motociclista diretto a Livorno". Video

Attualità

Ultimo concerto, il grido disperato dei Live Club sul palco del Festival di Sanremo: "Senza di noi le città sono più brutte e vuote"

social

Festa della donna: origine, storia e significato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento