Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

8 marzo, flash mob di soli uomini per gridare "no" alla violenza sulle donne: presenti sindaco, assessori, prefetto e questore

Nella Giornata internazionale delle donne le istituzioni cittadine rispondono presente all'appello provocatorio lanciato dalla giornalista Milena Gabanelli

Da Milano a Roma gli uomini, da qualche giorno, scendono in piazza per condannare la violenza contro le donne. Sarà così anche a Livorno dove domani, lunedì 8 marzo, alle 18 il sindaco Luca Salvetti, il questore Roberto Massucci, il prefetto Paolo D'Attilio, gli assessori della giunta comunale, il presidente del Consiglio comunale e i consiglieri saranno protagonisti di un flash mob tutto al maschile in piazza del Municipio.

Un gesto significativo in occasione della Giornata Internazionale delle Donne da parte delle principali istituzioni cittadine, che hanno risposto al "grido-provocazione" della giornalista Milena Gabanelli, la quale aveva affermato: "Ne ammazzano una al giorno, uomini dove siete?".

Violenza sulle donne, numeri drammatici in tutto il Paese

I numeri delle violenze contro le donne sono drammatici nel nostro Paese, ogni giorno si consumano maltrattamenti soprattutto tra le mura domestiche (un femminicidio ogni tre giorni, ndr), sfociando in molti casi in delitti efferati spesso per mano di un partner, ex partner o familiare. Purtroppo il lockdown a cui ci ha costretto la pandemia ha inciso negativamente sui femminicidi, dal momento che il rischio di violenza è maggiore nei rapporti di convivenza. Sono aumentati anche i casi di stalking e il picco si è avuto proprio durante la primavera scorsa.

8 marzo, le iniziative per la Giornata Internazionale della Donna 

Giornata internazionale delle donne, anche a Livorno il flash mob al maschile

L'evento in piazza del Municipio si terrà nel rispetto delle normative Covid e saranno mantenute le distanze di sicurezza. I partecipanti avranno una mascherina rossa donata dalla vicesindaca Libera Camici, che ha la delega alle Pari Opportunità ed esibiranno cartelli con frasi simboliche contro la violenza sulle donne.

Al flash mob è stata invitata la consigliera di parità della Provincia di Livorno, Cristina Cerrai, e le associazioni che si occupano della disparità e della violenza di genere. I presenti (uno per associazione per non creare assembramenti) indosseranno un indumento di colore rosso, simbolo della violenza sulle donne.

Al calare del sole Palazzo civico si illuminerà di rosa, così come il cisternino di città e il gazebo alla Terrazza Mascagni. Il rosa è il simbolo della speranza. Un colore positivo che dà sicurezza e ottimismo verso il futuro ed è associato alla femminilità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

8 marzo, flash mob di soli uomini per gridare "no" alla violenza sulle donne: presenti sindaco, assessori, prefetto e questore

LivornoToday è in caricamento