rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Cronaca Capraia Isola

Capraia, è di un 50enne ingegnere e professore genovese il cadavere ritrovato al largo dell'isola

Identificato il corpo trovato morto lunedì 24 agosto: si tratta di Francesco Scarlatti, docente del corso di Analisi e valutazione ambientale al Politecnico di Milano. Fatale una caduta dalla scogliera

È di Francesco Scarlatti, 50enne ingegnere e docente genovese, il corpo ritrovato morto nel mare di Capraia lunedì scorso 24 agosto. Secondo gli inquirenti, che sarebbero riusciti a identificare il cadavere grazie alla scheda del telefono ritrovato nello zainetto della vittima, l'uomo sarebbe morto precipitando dalla scogliera in zona Cala rossa, finendo quindi in mare ormai già privo di vita. Recuperato da una motovedetta della capitaneria di porto, con a bordo i carabinieri e i volontari della Svs, il corpo dell'uomo si trova a disposizione dell'autorità giudiziaria che ne ha disposto l'autopsia per chiarirne le cause del decesso.

Docente dal 2001 del corso di Analisi e valutazione ambientale al Politecnico di Milano e libero professionista specializzato in valutazione di impatto ambientale, sicurezza in ambito edile, valutazione di rischio incendio e progettazione impianti radio telecomunicazioni (da più di venti anni collaboratore dello Studio Tecnico Ambientale di Genova), Scarlatti stava trascorrendo un periodo di vacanza nella sua seconda casa sull'isola. Lunedì scorso il tragico ritrovamento del corpo dell'uomo, presumibilmente morto da diverse ore in seguito a una caduta dalla scogliera durante un'escursione.

(nella foto l'ingegnere genovese Francesco Scarlatti)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capraia, è di un 50enne ingegnere e professore genovese il cadavere ritrovato al largo dell'isola

LivornoToday è in caricamento