rotate-mobile
Cronaca

Furti nei negozi, vertice in prefettura sulla sicurezza: "Reati in calo ma non negli ultimi due mesi. Aumentare la prevenzione"

I dati sviscerati dal questore "non evidenziano particolare allarme". Il sindaco riferisce in Consiglio e in Aula esplode la polemica. Salvetti: "Preoccupano i numeri sui giovani, incrementeremo la videosorveglianza". Il centrodestra: "Lassismo ha portato ad emergenza"

Furti, vetrine spaccate e, più in generale, attività commerciali prese di mira sempre più frequentemente. Un bollettino di guerra che riempie le cronache quotidiane, preoccupa le associazioni di categoria, ma che non troverebbe riscontro nei dati della questura relativi ai primi sei mesi dell'anno e confrontati con lo stesso periodo del 2018 e 2019. Numeri sviscerati questa mattina di mercoledì 20 luglio in occasione del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica (Cosp), alla presenza di Confesercenti e Confcommercio, ed anticipati dal sindaco in consiglio comunale, con la successiva discussione in Aula che ha scatenato le rimostranze dei consiglieri di opposizione circa un tema che "non può più essere sottovalutato".

Bar Gambrinus, vetrata infranta e porta forzata in pieno giorno: "Incredibile, nessuno ha visto niente" 

Salvetti: "Al fianco di commercianti e residenti, incrementeremo la videosorveglianza"

Perché se i dati letti dal sindaco evidenziano un calo significativo in tutta la provincia e in città dei delitti (-15,68%), dei furti in abitazione (-44,42%), degli scippi (-37,04%) e dei furti negli esercizi commerciali (-12,15%), per cui "non si è delineato un quadro emergenziale", è altrettanto vero che, come ammesso dallo stesso Salvetti, "il quadro è mutato nei mesi di giugno e luglio" e a preoccupare è la deriva giovanile nel commettere reati (+126%). "Da qui - ha detto il sindaco - la discussione con gli esercenti e la completa adesione alla proposta fatta per andare verso un incremento di videosorveglianza specifica dei vari negozi. C'è la volontà concorde da parte delle istituzioni di essere al fianco di commercianti e residenti sul fronte sicurezza, che è questione delicata in tutto il nostro Paese. L'amministrazione lavorerà su un bando per contributi da destinare al mondo del commercio per quegli operatori che vorranno dotarsi di videosorveglianza privata da affiancare al sistema gestito da comune e forze dell'ordine". 

Evade dai domiciliari per rubare in un supermercato, 42enne in carcere

Lega e FdI: "Sindaco sveglia, non si tratta di percezione. Usi i poteri consentiti dalla legge"

Soluzioni, però, che non convincono Lega e Fratelli d'Italia, ma anche M5s, i quali hanno chiesto un'azione immediata incisiva. "Dietro i numeri ci sono le persone, le famiglie - ha detto Costanza Vaccaro (Lega) -. Ogni giorno è un bollettino di guerra. Non si tratta di percezione o di un vezzo del centrodestra. Il lassismo ha trasformato il problema in una emergenza. Sindaco, le regaliamo una sveglia perché è l'ora di svegliarsi. E lo diciamo con preoccupazione e allarmismo". "Quando uno non è preparato - le parole di Andrea Romiti (FdI) - si informa da quelli più bravi. Come a Pisa, dove è stato firmato un patto con le categorie di riferimento sulla movida che prevede la chiusura delle attività alle 1 dalla domenica al giovedì e alle 2 il venerdì e sabato. Dove viene limitata la vendita di alcol. Dove gli steward presidiano le zone della movida. Da lei, sindaco, ci saremmo aspettati che fosse venuto a dirci: 'abbiamo problemi seri, ecco cosa faremo' e non leggerci i numeri del prefetto. Ci dispiace ma non sta facendo niente di quello che la legge le consente, come ad esempio aumentare i controlli e la presenza della polizia municipale".

Corso Amedeo, ladri nella notte al Fashion Cafè: sfondata la vetrata e rubato il registratore di cassa

Il prefetto D'Attilio: "Adottare misure di difesa passiva che fungano da deterrente" 

"Tenuto conto anche della vastità del territorio da controllare da parte delle pattuglie e delle non illimitate risorse umane a disposizione - aveva in precedenza spiegato il prefetto Paolo D'Attilio durante il Cosp - la sicurezza partecipata è la ricetta per migliorare la salvaguardia delle attività. Gli ultimi episodi di furti e spaccate avvenuti nel capoluogo hanno reso necessario un confronto con le associazioni di categoria per individuare iniziative che possano permettere un sempre maggiore livello di sicurezza per gli esercizi commerciali. Un approccio che deve coinvolgere tutti; è necessario che la prevenzione e la sicurezza siano declinate in un contesto di ampia collaborazione, nel quale l'attività delle forze di polizia, i cui risultati, come di mostrano i dati sui delitti, sono lusinghieri, sia integrata da misure di difesa passiva che fungano intanto da deterrenza per i malintenzionati e poi da ausilio per le indagini dirette eventualmente a identificare gli autori dei reati".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti nei negozi, vertice in prefettura sulla sicurezza: "Reati in calo ma non negli ultimi due mesi. Aumentare la prevenzione"

LivornoToday è in caricamento