rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Cronaca Cecina

Forzano posto di blocco dopo il furto di gioielli: due in fuga, arrestato il complice

L'episodio è avvenuto a Cecina. In manette un romano di 62 anni mentre gli altri componenti della banda sono riusciti a farla franca

La polizia stradale di Pistoia è riuscita ad arrestare uno dei ladri della banda che, tra febbraio e marzo, ha derubato molti agenti di commercio di metalli preziosi in tutta la Toscana. L'episodio è avvenuto Cecina nel pomeriggio di sabato 26 marzo. I tre malviventi si erano messi sulle tracce di un 40enne aretino che, nel comune livornese, stava facendo il giro dei clienti mostrando la sua collezione di orologi e gioielli. L'uomo, dopo essere uscito dall'ultimo negozio, ha lasciato le borse contenenti i preziosi nel bagagliaio della sua macchina per andare ad un bancomat. È stato in quel preciso istante che i malviventi hanno agito: due hanno fatto da palo all'interno di un'automobile mentre il terzo ha forzato la vettura del commerciante rubando i gioielli per poi fuggire a tutta velocità. Le azioni della banda però sono state monitorate dalla polstrada che era sulle loro tracce già da parecchio tempo. Gli agenti della stradale di Pistoia, insieme ai colleghi di Grosseto, hanno subito intimato l'alt all'auto dei ladri che in un attimo si sono dati alla fuga a piedi per rendere la loro cattura più difficile. Un 62enne romano è stato preso dopo una breve colluttazione con gli agenti mentre gli altri due complici, a bordo di una Tipo, sono riusciti a fuggire dopo aver cercato di investire un poliziotto che, per fortuna, è stato soltanto colpito al braccio. L'arrestato, una volta portato in caserma, ha fatto i complimenti agli agenti per il lavoro svolto dal momento che fino a quel momento non era mai stato scoperto. La polstrada ha inoltre recuperato le borse con i gioielli che sono state restituite al legittimo proprietario. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forzano posto di blocco dopo il furto di gioielli: due in fuga, arrestato il complice

LivornoToday è in caricamento