menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comune di Livorno in lutto, morto a 62 anni il dirigente Giovanni Bencini. Salvetti: "Perso un punto di riferimento"

Entrato a palazzo civico nel 1984, il suo ultimo incarico è stato di dirigente delle attività amministrative per il post-alluvione

L'amministrazione comunale piange la scomparsa, avvenuta lunedì 20 aprile, di Giovanni Bencini, 63 anni ancora da compiere, noto e apprezzato dirigente, alla guida per tantissimi anni delle strutture e degli uffici che si occupano del sociale e dell'emergenza abitativa a Livorno. Dopo la laurea in Economia e Commercio conseguita all'università di Pisa, è entrato a palazzo civico nel 1984 in qualità di provveditore economo dell'Istituto Pascoli, ed in seguito di direttore.

Appresa la notizia, il sindaco Luca Salvetti ha voluto ricordare la figura di Bencini: "Prima di tutto esprimo, a nome di tutta la città la vicinanza mia e dell'amministrazione ai familiari di Giovanni. Ne voglio ricordare le grandi doti umane, oltre che la competenza, che lo hanno portato ad essere costante punto di riferimento per tutti quelli che hanno lavorato con lui. Una carriera interamente spesa in Comune, a servizio delle persone più svantaggiate. In questi ultimi anni, malgrado le condizioni di salute, ha continuato a dare tutto se stesso, e la sua attività e il suo impegno non sono mai venuti meno". 

L'ultimo incarico di Bencini è stato a capo delle attività amministrative per il post-alluvione. In precedenza era stato dirigente del settore sicurezza sociale dal '92 al '96, delle politiche abitative dal '97 al 2004, del Patrimonio dal 2005 al 2007, direttore dell'Istituzione servizi alla persona dal 2007 al 2009, dirigente dei servizi sociali dal 2010 al 2012 e dei servizi demografici dal 2013 al 2017. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento