Gorgona e Pianosa, dal programma comunitario i fondi per l'inclusione dei detenuti

La Regione beneficerà di 1 milione e 300mila euro per la formazione e l'inserimento lavorativo dei carcerati. Il direttore della casa circondariale di Livorno, Carlo Mazzerbo: "Ci aiuterà a crescere"

Favorire l'inclusione nella società degli ex detenuti. E promuovere lo sviluppo di attività agricole in grado, magari di attirare imprenditori che vi investano. Il tutto, attraverso la necessaria formazione e il graduale inserimento nel mondo lavorativo dei detenuti. Un progetto che, almeno in Gorgona, esiste da una vita, tra limitazioni più o meno consistenti per ragioni soprattutto di natura economica. Mancanza di fondi, in sostanza, che invece arriveranno presto, in Gorgona come a Pianosa, grazie al Programma Operativo Nazionale (PON) Inclusione, cofinanziato dal Fondo sociale europeo, al quale la Regione Toscana aveva aderito su proposta dell'assessore all'Istruzione Cristina Grieco.

Pianosa e Gorgona, in arrivo fondi per la formazione e il lavoro dei detenuti

Un milione e 300mila euro i fondi messi a disposizione dal ministero del lavoro e delle Politiche sociali, gestore dei finanziamenti, che serviranno a sostenere un progetto del ministero della Giustizia finalizzato a creare un sistema integrato ed innovativo nel quale i detenuti possano imparare un mestiere, ma che al tempo stesso promuova lo sviluppo di attività economiche, come ad esempio le produzioni agricole, compatibili a quei territori e tese alla tutela del loro habitat. Tra le cinque colonie agricole penali presenti in Italia, dunque, anche Pianosa e Gorgona, appunto (le altre si trovano in Puglia, Abruzzo e Sardegna): fondi che, assicura il direttore della casa circondariale di Livorno, Carlo Mazzerbo, "ci aiuteranno a crescere".

Gorgona-2

Lezioni in aula e lavoro sul campo: cosa prevede il progetto

Il progetto avvierà quindi un'azione di potenziamento delle competenze dei detenuti attraverso attività formativa in aula e sul campo e attraverso una serie di azioni pilota che prevederanno l'inserimento lavorativo in aziende del settore agricolo - grazie alla creazione e all'animazione di una rete territoriale finalizzata all'inserimento lavorativo e sociale - e il supporto a percorsi di autoimprenditorialità. Verranno così trasmesse al detenuto le competenze che gli permettano di acquisire le professionalità necessarie a garantire continuità lavorativa al momento del ritorno in libertà.

Gorgona, la protesta del Sappe per i bagni al mare dei detenuti

Cristina Grieco: "Il lavoro fondamentale per la tutela della dignità umana"

"È importante - sottolinea Cristina Grieco - che ai detenuti venga offerta, già negli istituti penitenziari, la possibilità di professionalizzarsi, imparare un mestiere e potersi creare un'opportunità di reinserimento lavorativo e sociale. Il lavoro è uno strumento fondamentale per la tutela della dignità umana e di "reinserimento sociale" e si inserisce nel concetto più ampio di funzione rieducativa della pena".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

carlo mazzerbo direttore carcere livorno (1)-2Carlo Mazzerbo: "Un vicino di casa ex detenuto? Meglio"

"È una buona notizia, questo finanziamento ci aiuta a crescere - aggiunge il direttore della casa circondariale di Livorno, Carlo Mazzerbo (nella foto) -. La Gorgona ha sempre avuto questa impostazione, con modalità e tempi differenti a seconda delle problematiche oggettive dovute soprattutto alla carenza di fondi. Dobbiamo puntare sulla formazione, sulla qualificazione e l'utilizzo di risultati sul posto: l'ideale sarebbe trovare imprenditori o gruppi di imprenditori che avviino attività agricole di trasformazione o di ristorazione sull'isola, assumendo detenuti appositamente formati come se provenissero da un mercato esterno, con una continuità possibilmente fuori dal carcere. Questa è la vera sfida, creare un circuito prezioso e virtuoso che permetta all'amministrazione penitenziaria di risparmiare soldi e al detenuto, formato e inserito, di spendere fuori le professionalità acquisite". Una sfida che, tuttavia, non sempre è facile da far comprendere. "Abbiamo vissuto anche momenti peggiori - dice Mazzerbo -, ma credo che se le cose vengono fatte bene e si ottengono risultati tutta la collettività debba esserne soddisfatta. Chiunque potrebbe avere come vicino di casa un ex detenuto: ecco, a me interessa che questo, una volta uscito dal carcere, sia un buon cittadino più che un bravo ex detenuto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in Fi-Pi-Li, livornese muore a 22 anni dopo lo schianto in moto

  • Effetto Venezia e dintorni 2020, il programma della manifestazione. Salvetti: "Felici di aver investito per la città"

  • "Precisamente a Calafuria", sequestrata la terrazza: "Balli e feste senza la certificazione di agibilità"

  • Coronavirus Toscana, impennata di nuovi casi: 61 positivi ma nessun ricovero in più. Il bollettino di domenica 9 agosto

  • Miss Livorno 2020, Elisa Giuffrida si aggiudica la prima tappa: tutte le premiate

  • Cessione Livorno, ultimatum Spinelli: "Aspetto Fernandez ancora oggi, poi..."

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento