Cronaca

Green pass a lavoro, a rischio il trasporto pubblico. La Regione: "Garantire le corse per studenti e pendolari"

L'assessore Baccelli: "Occorre proseguire il monitoraggio della certificazione verde da parte dei dipendenti"

Domani, venerdì 15 ottobre, entrerà in vigore l'obbligo del Green pass per i dipendenti pubblici e privati. In Italia sono tante le proteste messe in atto contro la decisione del governo e tra queste c'è anche quella dei dipendenti del trasporto pubblico locale. In quest'ottica, la Toscana oggi ha organizzato un incontro con le prefetture, la città metropolitana, le Province e le aziende titolari della gestione del trasporto pubblico locale su gomma e ferro, One scarl, Trenitalia spa, TFT e Toremar. "Sono in effetti emerse potenziali criticità a garantire il servizio legate all'entrata in vigore dell'obbligo - specifica la Regione - e, in base alla ricognizione fatta stamani sentendo le varie aziende, è possibile che si possano creare disservizi che ad oggi non sono completamente prevedibili".  

"Abbiamo raccomandato alle aziende – spiega l'assessore ai trasporti Stefano Baccelli - di effettuare una programmazione atta a garantire il servizio prioritariamente nelle fasce di utilizzo da parte degli studenti e pendolari, segnalando la necessità di proseguire, nei prossimi giorni, il monitoraggio del possesso della certificazione verde, in modo che i dipendenti forniscano le informazioni richieste con il preavviso necessario al fine di soddisfare le predette esigenze organizzative". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass a lavoro, a rischio il trasporto pubblico. La Regione: "Garantire le corse per studenti e pendolari"

LivornoToday è in caricamento