rotate-mobile
Cronaca

Green pass, il ministro Garavaglia: "Un'estate senza certificazione verde è possibile"

La previsione in vista di giugno: "L'anno scorso non ce n'era bisogno quindi non vedo perché dovrebbe continuare a essere operativo tra quattro mesi"

In estate non ci sarà più l'obbligo del Green pass per andare al ristorante, alle poste o prendere un mezzo di trasporto pubblico? Probabile secondo quanto ha annunciato il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, durante un'intervista rilasciata al Messaggero e ripresa dall'agenzia Dire. "L'anno scorso, con la campagna vaccinale ancora agli inizi, non c'è stato bisogno di certificazione verde, dunque non vedo perché a giugno dovremmo ancora averlo operativo il certificato verde. Del resto, le attuali regole di ingresso in Italia, e l'obbligo di tampone per i turisti stranieri, sono decisamente più rigide rispetto a quelle dei nostri competitor, come la Spagna, giusto per citare un esempio, e hanno l'effetto di renderci meno attrattivi agli occhi di chi oggi sta prenotando una vacanza a Pasqua o a luglio".

Covid, via le mascherine all'aperto in tutta Italia dall'11 febbraio. Costa: "Segnale di ripartenza" 

Quanto all'ipotesi di ampliare i corridoi turistici Covid-free per le mete extra Ue, "per prima cosa bisogna dire adesso che questi corridoi non scadranno a marzo. Chi oggi prenota per aprile vuole certezze. Poi ne andranno aperti di nuovi, ma bisogna convincere il ministero della Salute. A meno che il ministero della Salute, mi passi la battuta, non voglia usare il proprio budget per finanziare nuovi ristori per agenzie di viaggio e alberghi", ha concluso il ministro. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass, il ministro Garavaglia: "Un'estate senza certificazione verde è possibile"

LivornoToday è in caricamento