Fuoco a bordo dell'Eurocargo Trieste, scoperte irregolarità nell'impianto antincendio

Le anomalie, riscontrate anche nelle dotazioni di sicurezza, sono state riscontrate dagli ispettori della Capitaneria

A seguito dell'incendio che si è sprigionato nella sala macchine dell'Eurocargo Trieste, il personale tecnico della capitaneria di porto ha ispezionato l'imbarcazione, nella mattina del 22 novembre, al fine di scoprire le cause che hanno scatenato le fiamme. Al momento, il natante si trova ormeggiato alla banchina 24 del porto di Livorno in attesa di riprendere il mare. Le indagini condotte dal personale della capitaneria hanno fatto emergere, come si legge in una nota, "varie anomalie" con la nave che non risulterebbe avere "gli standard previsti in materia di sicurezza della navigazione".

In particolare sarebbero state rilevate irregolarità nell’impianto fisso antincendio di bordo e nelle dotazioni di sicurezza della nave, che dovranno essere quindi ripristinate prima che la stessa possa nuovamente operare. Sull'eurocargo sono state svolte verifiche anche da parte degli ispettori della compagnia armatoriale e dei rappresentanti dello Stato di bandiera (Malta). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pesca sportiva, due livornesi fermati con 48 chili di orate: multa di 8mila euro, il pesce regalato alla Caritas

  • Rosignano Solvay, esplosione in una palazzina: grave una donna

  • Parco del Mulino, conti in rosso e rischio chiusura. L'appello: "Prenotate una pizza da noi per tenere in vita il progetto"

  • Toscana zona rossa, l'ordinanza di Giani: nuove misure anti Covid per spostamenti ed attività

  • Coronavirus: 108 positivi e 10 morti tra Livorno e provincia, 1.351 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di giovedì 26 novembre

  • Toscana zona rossa fino al 4 dicembre, Giani: "Ancora un po' di pazienza, poi fino a Natale in zona arancione o gialla"

Torna su
LivornoToday è in caricamento