rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca Stagno

Incendio all'Eni di Stagno, Rifiuti-Zero: "Livorno si liberi dell'incubo della raffineria"

L'intervento del coordinamento provinciale dopo l'esplosione e le fiamme divampate all'interno dello stabilimento

"Non basta rassicurare i cittadini dopo ogni esplosione o incidente, la raffineria è un incubo dal quale Livorno deve liberarsi, il governo deve finanziare bonifiche e riconversione pulita per mantenere e incrementare i posti di lavoro mettendo però in sicurezza per sempre la città". Così il coordinamento provinciale Rifiuti-Zero, che racchiude più di trenta tra associazioni e comitati, interviene a seguito dell'incendio di martedì 30 novembre scoppiato all'interno dello stabilimento di Stagno.

Un episodio drammatico, che per fortuna non ha causato feriti o vittime, sul quale dopo le analisi ambientali di Arpat proseguono gli approfondimenti da parte delle autorità competenti per capire le cause. E mentre i sindacati richiamano alla sicurezza e alla manutenzione degli impianti, saranno ora le indagini della procura, delegate ai vigili del fuoco e al nucleo operativo ecologico dei carabinieri, a cercare di chiarire ogni aspetto.

Il coordinamento: "La raffineria, una bomba ecologica e un rischio perenne di disastro ambientale di dimensioni terrificanti"

"L'ennesimo grave incidente - aggiungono dal coordinamento provinciale Rifiuti-Zero - all'interno della raffineria ha messo in pericolo ancora una volta la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini livornesi e colligiani". Il coordinamento fa riferimento poi proprio a quanto affermato dai sindacati, affermando che "ormai l'azienda petrolifera di Stato, controllata direttamente dal governo italiano, risparmia drasticamente sui costi di manutenzione e del personale sempre più precarizzato, esternalizzando e badando esclusivamente ai risultati finanziari. Addirittura i sindacalisti parlano di "strage evitata per miracolo".

Esplosione e incendio alla raffineria Eni di Stagno, l'intervento dei vigili del fuoco. VIDEO

E poi puntano il dito contro "quelle forze politiche e sindacali che ancora si intestardiscono nel sostenere scenari da incubo per il futuro della raffineria -  spiegano - come la sua riconversione in mega-inceneritore di rifiuti mascherato da impianto di produzione di metanolo, progetto fortunatamente respinto nettamente dai sindaci e dai consigli comunali di Livorno e Collesalvetti".

"Ma non è sufficiente escludere, ci auguriamo per sempre, il folle progetto di affidare ad Eni lo smaltimento dei rifiuti di mezza Italia proprio a Livorno - proseguono -: è necessario che almeno una parte dell'immenso fiume di investimenti pubblici destinato alla cosiddetta 'green economy' finisca sul nostro territorio, per finanziare finalmente le bonifiche dei terreni della raffineria, vera e propria bomba ecologica, oltre alla realizzazione - concludono - di una riconversione davvero pulita dell'impianto, che liberi la nostra città dalla spada di damocle del rischio perenne di un disastro ambientale di proporzioni terrificanti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio all'Eni di Stagno, Rifiuti-Zero: "Livorno si liberi dell'incubo della raffineria"

LivornoToday è in caricamento