rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Porto

Tragedia in Porto, muore operaio 51enne. Il sindaco Filippo Nogarin: "Le regole ci sono e vanno applicate"

Il cordoglio della politica, il primo cittadino: "Mi auguro che la magistratura faccia luce sull'accaduto"

Tragedia questa mattina, mercoledì 24 aprile, al Molo 56 (Calata Carrara) del Porto di Livorno dove un uomo, un operaio di 51 anni originario di Torre del Greco, ha perso la vita in seguito ad un incidente sul lavoro. La vittima, secondo quando si apprende dalle prime ricostruzioni, si stava servendo di un muletto per compiere alcune operazioni all'interno della nave Moby Kiss, quando un portellone laterale del traghetto si sarebbe mosso accidentalmente colpendolo con violenza alla testa.

Immediate le reazioni del mondo politico cittadino, tra cui quella della vicesindaco Stella Sorgente e del consigliere regionale del PD Francesco Gazzetti, giunti a poche ore dalla tragedia sul luogo dell'incidente.

Il sindaco Filippo Nogarin ha affidato alle pagine di Facebook il suo intervento sulla vicenda, facendo riferimento anche all'incidente del marzo 2018 che costò la vita ad altri due lavoratori. "Ho appreso del tragico incidente al Porto di Livorno in cui ha perso la vita un operaio, un uomo di Torre del Greco di 51 anni - scrive sul social network il primo cittadino - . Ai suoi familiari e amici va tutta la mia vicinanza. La magistratura ha aperto un'inchiesta e mi auguro che possa far luce al più presto sull'accaduto, individuando eventuali responsabilità. Dopo la tragedia al deposito costiero del marzo 2018 in cui persero la vita due lavoratori, a distanza di un anno siamo ancora a piangere un morto in porto. Da allora abbiamo siglato un protocollo per la sicurezza sul lavoro in banchina. Le regole ci sono. Vanno applicate con rigore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia in Porto, muore operaio 51enne. Il sindaco Filippo Nogarin: "Le regole ci sono e vanno applicate"

LivornoToday è in caricamento