Folle corsa sul viale Italia, poi lo schianto in via dei Funaioli: auto distrutta, illeso 25enne

Tremenda botta intorno alle 2 di notte, allibiti alcuni testimoni: "Roba da pazzi: era già passato due volte sgommando a velocità impressionante, per fortuna non c'era nessuno sul marciapiede"

Più che una mancata osservanza del codice della strada, una follia vera e propria. E lo si può dire senza paura di cadere in errore. Perché quella commessa da un giovane di circa 25 anni alla guida della propria auto, intorno alle 2 di notte tra lunedì 8 e martedì 9 luglio, altro non è se non una gravissima imprudenza che avrebbe potuto trasformarsi in tragedia. Una corsa forsennata e ripetuta più volte sul lungomare di Livorno, dalla Bellana in direzione Terrazza Mascagni, terminata con uno schianto in via Funaioli, dopo una curva a sinistra imboccata dal viale Italia a velocità impressionante. È qui che la macchina, dopo aver scoppiato una ruota sullo scalino del marciapiede antistante la gelateria Caprilli, è sobbalzata finendo contro un paletto sul lato opposto della strada, rimbalzando e tornando al centro della carreggiata dove si è finalmente arrestata.

funaioli municipale-2

Il rifiuto dei soccorsi e l'auto spinta a mano

Il conducente, uscito da solo dalla vettura, è rimasto praticamente illeso e ha rifiutato le cure dei volontari del 118, intervenuti sul posto con un mezzo della Misericordia di Livorno. Raggiunto da un numeroso gruppo di amici che, presumibilmente, fino a poco prima avevano passato con lui la serata, il giovane si è quindi adoprato insieme ad altri ragazzi per rimuovere quanto prima dalla strada il mezzo incidentato, spinto fino all'inizio di via Montebello da un gruppetto di sette o otto ventenni, prima ancora che potesse arrivare la polizia municipale a fare i rilievi del caso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I testimoni: "Andava a tutta velocità, avrebbe potuto fare una strage"

Allibiti alcuni testimoni, secondo i quali il ragazzo sarebbe più volte passato di lì a tutta velocità prima di schiantarsi. "Quella Ford Focus grigia era passata di qui almeno due volte sgommando a tutta velocità, alla terza si è schiantato - dicono -. Gli è andata bene che non si è fatto niente neppure lui, ma probabilmente non si è reso conto di cosa avrebbe potuto combinare. La gelateria sull'angolo è sempre piena, c'è la coda che arriva fino all'orario di cihusura e molti si fermano a chiacchierare proprio sul marciapiede. Fosse successo mezz'ora prima avrebbe potuto fare una strage". Per la cronaca, il giovane è risultato negativo al test alcolemico e tossicologico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Precisamente a Calafuria", sequestrata la terrazza: "Balli e feste senza la certificazione di agibilità"

  • Coronavirus Toscana, impennata di nuovi casi: 61 positivi ma nessun ricovero in più. Il bollettino di domenica 9 agosto

  • Scopaia, muore in casa a 53 anni: indaga la polizia

  • Cessione Livorno, ultimatum Spinelli: "Aspetto Fernandez ancora oggi, poi..."

  • Cessione Livorno, Fernandez a Genova da Spinelli: 48 ore per chiudere

  • Mozziconi di sigaretta per terra, l'invenzione di Dashi per pulire la città: "Così combatto l'inciviltà"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento